Il panettone di Mammà: la nuova creazione del Mastro Pasticciere Luigi Conte

Posted By : / 7 0

CARINARO. Un omaggio al lievito madre. È da questa idea che è nato il “Panettone…

CARINARO. Un omaggio al lievito madre. È da questa idea che è nato il “Panettone di Mammà”, concepito dal mastro pasticciere Luigi Conte e che verrà presentato nella serata di domenica 8 dicembre, nel giorno dell’Immacolata, a partire dalle 19:30, presso l’ormai storica pasticceria sita in via Larga.

Il dolce sfrutta a pieno le caratteristiche dell’impasto per eccellenza e punta sull’aggiunta al panettone classico di un ingrediente molto particolare, ovvero le amarene: “Questo accostamento mi è molto caro perché richiama il dolce ovile della mia infanzia, quando mamma preparava a noi figli delle amarene sciroppate sotto spirito. Una delizia che ho voluto riproporre nella mia vita professionale”.

“Siamo in una fase storica in cui la luce dei riflettori puntata sul lievito madre – spiega Conte -. Ciò avviene poiché si avverte la necessità di uscire dai processi di industrializzazione e di tornare alla tradizione, all’artigianato. È solo in questo modo, infatti, che si ottengono prodotti genuini ed il lievito madre emblematico in questo senso, poiché non accetta additivi chimici”.

Un prodotto che viaggerà con il sanmarcellinse in giro per l’Italia: “Sarà bello vedere le reazioni dei miei colleghi pasticcieri all’assaggio, è indubbiamente un grande stimolo in più – ammette -. Non si tratta dell’unica ricetta sulla quale sto lavorando; mi sto concentrando sul caffè e la sua grande duttilità culinaria. Essere creativi è molto importante per un mastro pasticciere – conclude – perchè il mondo corre ad una velocità davvero alta ed è necessario innovarsi per essere al passo coi tempi”.

Il panettone di Mammà: la nuova creazione del Mastro Pasticciere Luigi Conte

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Agerola. Visita alla Comunità Montana dell’I.C. e del Liceo Marini-Gioia di Amalfi

Posted By : / 13 0

Agerola si affaccia sempre di più sull’eccellenza turistica della Costiera amalfitana . Visita alla Comunità…

Agerola si affaccia sempre di più sull’eccellenza turistica della Costiera amalfitana . Visita alla Comunità Montana dell’I.C. e del Liceo Marini-Gioia di Amalfi Visita della Dott.ssa Solange Sabine Sonia Hutter, Dirigente dell’ I.I.S.S. Marini-Gioia di Amalfi e del Preside dell’I.C. “Di Giacomo – De Nicola” di Agerola Michele Manzi, alla splendida struttura Campus Principe di Napoli di Agerola per conoscere e approfondire tutti i contenuti dei corsi di Laurea, Master, Perfezionamenti e Alta Formazione delle Università Pegaso, Mercatorum e Principe di Napoli Campus, le procedure di ammissione e le opportunità offerte.

Evento organizzato da UniScientia, al fine di facilitare una scelta consapevole del percorso di studio e di favorire la conoscenza delle opportunità e degli sbocchi occupazionali per gli studenti iscritti agli ultimi anni della secondaria di primo grado e ai due anni terminali delle scuole secondarie di secondo grado.

L’intenzione principale è di attivare una rete di collaborazione con L’Università, l’IC. “Di Giacomo – De Nicola” e I.I.S.S. Marini-Gioia di Amalfi per iniziative formative di arricchimento culturale per i nostri studenti.

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Pranzo di Positanonews al ristorante Zio Sam a Piano di Sorrento

Posted By : / 23 0

Oggi la redazione e gli amici di Positanonews si sono incontrati per un pranzo al…

Oggi la redazione e gli amici di Positanonews si sono incontrati per un pranzo al ristorante “Zio Sam”. Ci piace riportare il commento di Luigi De Rosa, nostro collaboratore ed amico: «Da “Zio Sam” a Piano di Sorrento, pranzo sociale. Il primo per me, e spero non l’ultimo. Bella l’accoglienza e l’atmosfera conviviale. Peccato per gli assenti ma credo ci saranno altre occasioni. Positanonews celebra, se la memoria non m’inganna, 15 anni, ma non ci bastano; un’azienda seria è proiettata sempre a future conquiste. Il passato è da archiviare, tenendone solo rispettosamente conto per non commettere gli stessi errori. A Michele Cinque senza piageria dico grazie per aver cercato di togliere dalla strada un ragazzo ed aver speso il suo tempo per dare un tetto sulla testa ad una madre, questo non è giornalismo è umanità che manca a molti. Infine, torniamo alle cose serie: mezzi paccheri al pomodoro, con involtini di frittata, piatto povero. La frittata così i contadini la chiamavano “braciola” per avere l’illusione di mangiare quella carne che in tempo di guerra pochi o nessuno metteva tra i denti. Quando si va in un ristorante serio, i piatti serviti raccontano sempre una storia. Bravo “Zio Sam”»

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Sorrento. Dal 5 dicembre parte Chocoland: ecco il programma

Posted By : / 21 0

Sorrento – Il 5 dicembre inizierà la 3° edizione di “Sorrento Chocoland” che vede tra…

Sorrento – Il 5 dicembre inizierà la 3° edizione di “Sorrento Chocoland” che vede tra Corso Italia e Piazza Veniero dei laboratori, show cooking, animazione per bambini, degustazioni pregiate, mascotte e premi, fondersi al profumo della migliore cioccolateria esposta dagli oltre 20 stand provenienti dal Centro-Sud Italia. Tra gli espositori di quest’anno ci sarà anche l’Angelica che presenterà una delle tante attrazioni della fiera: “Buonisssima by l’Angelica”, un barattolo da mille kg di crema spalmabile che sarà esposto in un “selfie point”. Inoltre con una spesa minima di 15 euro, si riceverà un ticket per partecipare all’estrazione di fantastici premi.

Ecco il programma dell’evento:

Giovedì 5 dicembre
“A Christmas Carol” del Cartastorie

Venerdì 6 dicembre
“Magic Show” di Fofficino

Sabato 7 dicembre
Willy Wonka per le strade di Sorrento
Spettacolo Mario #Naps
Premiazione del “Prodotto natalizio più buono”
Premiazione della “Vetrina più bella”
Premio alla carriera al pasticciere Antonio Cafiero

Domenica 8 dicembre
Realizzazione dolce a 4 mani con i pasticcieri Antonio Cafiero e Mirco Della Vecchia

Sorrento Chocoland

Fonte : PositanoNews.it

Read More

GRAGNANO. PASTA IGP A PREZZI STRACCIATI: OCCORRE PORRE RIMEDIO

Posted By : / 26 0

Il consigliere di opposizione, Patrizio Mascolo: «Si istituisca una Fondazione della città della pasta, anche per riequilibrare i rapporti di forza tra produttori artigianali e quelli industriali.»

Il brand Pasta di Gragnano IGP è patrimonio della nostra Città e un’amministrazione autorevole, seria e responsabile deve attivarsi in ogni sede per garantirne la giusta tutela. Tutela che a tutt’oggi latita pericolosamente.

Sugli scaffali di alcuni negozi di piccola e grande distribuzione, anche della nostra città, sono ben in vista pacchi di pasta venduti a prezzi che non possono in alcun modo essere compatibili con i livelli qualitativi della pasta di gragnano. Un danno all’immagine della pasta Igp e a tutta la città. E anche la scellerata scelta di abbattere i tempi di essiccazione non aiuta, anzi favorisce solo i grandi produttori a tutto discapito della qualità del prodotto. Per quanto riguarda, invece, l’illegittima modalità di registrazione del logo comunale andremo avanti fino a quando non sarà fatta chiarezza. Perché sia chiaro a tutti che ognuno è padrone in casa sua ma non può arrogarsi scelte che incidono sugli interessi generali della collettività, per amministrare i quali occorre un impegno politico-amministrativo diretto.

A questo va aggiunto che appare oramai indispensabile un più ampio monitoraggio sulla diffusione del brand Pasta di Gragnano Igp che, sottolineo, essere espressione del nostro territorio.

Per questo più volte ho spinto per l’istituzione di una Fondazione della città della pasta, organismo in grado di riparare alle inefficienze fin oggi registrate.

Fonte : PositanoNews.it

Read More

I migliori ristoranti italiani secondo 50top italy: tanta Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina

Posted By : / 23 0

Si è tenuto ieri, lunedì 2 dicembre, presso il Teatro Eliseo di Roma, 50 Top…

Si è tenuto ieri, lunedì 2 dicembre, presso il Teatro Eliseo di Roma, 50 Top Italy, evento che fa riferimento alla nota guida dedicata alla ristorazione italiana. Sono stati 200 i ristoranti premiati, divisi per quattro categorie, ovvero: Low Cost, Trattorie, Ristoranti entro i 120 euro e Ristoranti oltre i 120 euro. I curatori dell’evento sono stati Luciano Pignataro, Barbara Guerra e Albert Sapere. Ricordiamo che il progetto è firmato LSDM (congresso di cucina d’autore), con 130 ispettori che hanno lavorato in totale anonimato.

Tanta Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina, come si può vedere. In grassetto i ristoranti campani premiati:

Ristoranti oltre 120€ – 2020

1° Osteria Francescana, Modena
2° Uliassi, Senigallia
3° St. Hubertus, San Cassiano in Badia
4° Danì Maison, Ischia
5° Piazza Duomo, Alba
6° Duomo, Ragusa
7° La Pergola, Roma
8° Taverna Estia, Brusciano
9° ENRICO BARTOLINI MUDEC, Milano
10° VUN Andrea Aprea, Milano
11° Le Calandre, Rubano
12° Don Alfonso 1890, Sant’Agata sui Due Golfi
13° Madonnina del Pescatore, Senigallia
14° Dal Pescatore Santini, Canneto sull’ Oglio
15° Da Vittorio, Brusaporto
16° Il Pagliaccio, Roma
17° Seta by Antonio Guida, Milano
28° Villa Crespi, Orta San Giulio
19° Reale, Castel di Sangro
20° La Torre del Saracino, Vico Equense
21° Agli Amici, Udine
22° Casa Vissani, Baschi
23° Enoteca Pinchiorri, Firenze
24° Casa Perbellini, Verona
25° Del Cambio, Torino
26° Contraste, Milano
27° Villa Feltrinelli, Gargnano
28° Colline Ciociare, Acuto
29° Angelo Sabatelli Ristorante, Putignano
30° Il Palagio, Firenze
31° Bros’, Lecce
32° La Madia, Licata
33° Cracco, Milano
34° Aqua Crua, Barbarano Vicentino
35° Caino, Montemerano
36° La Peca, Lonigo
37° Venissa, Venezia
38° La Trota, Rivodutri
39° Joia, Milano
40° Il Luogo di Aimo e Nadia, Milano
41° Christian & Manuel Ristorante, Vercelli
42° Pashà Ristorante, Conversano
43° Locanda Don Serafino, Ragusa
44° Magnolia, Cesenatico
45° Per me Giulio Terrinoni, Roma
46° Harry’s Piccolo, Trieste
47° El Coq, Vicenza
48° Antica Osteria Cera, Campagna Lupia
49° El Molin, Cavalese
50° Vitantonio Lombardo Ristorante, Matera

Ristoranti fino a 120€ – 2020

1° L’Argine a Vencò, Dolegna del Collio
2° Lido 84, Gardone Riviera
3° 28 Posti, Milano
4° Gucci Osteria da Massimo Bottura, Firenze
5° Pascucci al Porticciolo, Fiumicino
6° Antica Osteria Nonna Rosa, Vico Equense
7° MATERIA, Cernobbio
8° Oasis Sapori Antichi, Vallesaccarda
9° daGorini, San Piero in Bagno
10° La Tana Gourmet, Asiago
11° Ristorante Laite, Sappada
12° Ristorante Abbruzzino, Catanzaro
13° D’O, Cornaredo
14° Ristorante Andreina, Loreto
15° Qafiz, Santa Cristina D’Aspromonte
16° Taverna del Capitano, Nerano
17° L’Imbuto, Lucca
18° La Bandiera, Civitella Casanova
19° I Portici, Bologna
20° Guido, Rimini
21° L’Arcangelo, Roma
22° Accursio Ristorante, Modica
23° Acqua Pazza, Ponza
24° Abocar Due Cucine, Rimini
25° Ristorante Marconi, Sasso Marconi
26° Il Bavaglino, Terrasini
27° Trattoria Zappatori, Pinerolo
28° Damini Macelleria & Affini, Arzignano
29° Al Metrò, San Salvo Marina
30° Ristorante Romano, Viareggio
31° Zur Rose, San Michele Appiano
32° La Trattoria Enrico Bartolini, Castiglione della Pescaia
33° Romolo al Porto, Anzio
34° Locanda di Orta, Orta San Giulio
35° SUD Ristorante, Quarto
36° Ristorante Villa Maiella, Guardiagrele
37° Gambero Rosso, Marina Di Gioiosa Ionica
38° Il Faro di Capo d’Orso, Maiori
39° Ristorante Giglio, Lucca
40° Il Tino, Fiumicino
41° La Pineta, Marina di Bibbona
42° Stube Gourmet, Asiago
43°Casa Rapisarda, Numana
44° Ristorante Zum Löwen, Tesimo
45° Piazzetta Milù, Castellammare di Stabia
46° Tordomatto, Roma
47° Casa Leali, Puegnago del Garda
48° Zia Restaurant, Roma
49° Ristorante I Pupi, Bagheria
50° Corteinfiore, Trani

Trattorie 2020

1° Antica Osteria del Mirasole, San Giovanni in Persiceto
2° Trippa, Milano
3° Roscioli Salumeria con Cucina, Roma
4°La Brinca, Ne
5° Ristorante Consorzio, Torino
6° Retrobottega, Roma
7° EXIT Gastronomia Urbana, Milano
8° Al Convento, Cetara
9° Nù Trattoria Italiana dal 1960 – Trattoria di civiltà e libertà contadina, Acuto
10° Braceria Bifulco, Ottaviano
11° Trattoria La Madia, Brione
12° All’Osteria Bottega, Bologna
13° Trattoria Al Cacciatore, Cormons
14° Pitzock, Funes/Villnöss
15° Ristorante Vecchia Marina, Roseto degli Abruzzi
16° Pizzeria – Trattoria Da Benito, Orentano
17° Antichi Sapori, Andria
18° Locanda delle Grazie, Curtatone
19° Corona Trattoria, Palermo
20° Trattoria NerodiSeppia, Trieste
21° I Sette Consoli, Orvieto
22° Farmacia del Cambio, Torino
23° Masseria Barbera, Minervino Murge
24° Armando al Pantheon, Roma
25° Ristorante Sora Maria e Arcangelo, Olevano Romano
26° Il Capanno, Spoleto
27° Osteria Storica Morelli, Pergine Valsugana
28° Abraxas Osteria, Pozzuoli
29° Osteria Ophis, Offida
30°La Grotta di Zì Concetta, Campobasso
31° Ambrosia, Sant’Agata di Militello
32° L’Oste della Bon’Ora, Grottaferrata
33° Lo Stuzzichino, Sant’Agata sui Due Golfi
34° Taverna58, Pescara
35° Antica Trattoria Da Doro, Solagna
36° Ristorante Palazzaccio, Castelbuono
37° L’Aquila d’Oro, Cirò
38° PerBacco, Bari
39° Osteria La Corte, Spoltore
40° Enoteca della Valpolicella, Fumane
41° Checchino dal 1887, Roma
42° Albergo Ristorante Nerina, Romeno
43° Osteria La Torre, Cherasco
44° Caffè La Crepa, Isola Dovarese
45° Locanda Mammì, Agnone
46° Hostaria di Bricai, Rassa
47° L’Agave Framura, Framura
48° Osteria della Villetta, Palazzolo sull’Oglio
49° La Taverna dei Briganti, Cotronei
50° Trattoria Avvolgibile, Roma

Low Cost 2020

1° Panificio Bonci, Roma
2° Anikò, Senigallia
3° Generi Alimentari DA PANINO, Modena
4° ‘Ino, Firenze
5° Supplizio, Roma
6° MASONI MACELLERIA & BISTROT, Viareggio
7° Nud e Crud, Rimini
8° La Tradizione, Vico Equense
9° FUD BOTTEGA SICULA CATANIA, Catania
10° Trapizzino, Italia
11° DA GIGIONE Hamburgheria & Braceria, Pomigliano d’Arco
12° Al Mercato Burger Bar, Milano
13° Le Zendraglie, Napoli
14° GOURMAND – Il Panino d’Autore, Milano
15° TANDEM, Napoli
16° Uovo di Seppia, Licata
17° PuntoG, Piacenza
18° NINO U’ BALLERINO, Palermo
19° NEBBIA, Milano
20° MAMM CICLOFOCACCERIA, Udine
21° Ranzani13, Bologna
22° PANINO GIUSTO, Milano
23° IL MASETTO – Hamburgeria Nazionale, Genova
24° PANINI DURINI, Milano
25° IL LAMPREDOTTO, Firenze
26° PESCARIA, Milano
27° Pork’n’Roll, Roma
28° Maido, Milano
29° PORCOBRADO, Italia
30° La Ravioleria Sarpi, Milano
31° La Tradizione, Sammichele di Bari
32° SCIROCCO, Catania
33° Gofreria Piemontèisa, Torino
34° PANINO MARINO, Genova
35° Pavè Milano, Milano
36° CHIC & GO, Milano
37° 200 Gradi, Roma
38° TRITA, Milano
39° Manuelina Focacceria Recco, Recco
40° La Bottega di Akira Yoshida, Roma
41° All’Antico Vinaio, Firenze
42° SASEADA – Sebaderia Artigianale, Cagliari
43° Maramimmo – Termoli
44°Semel – Firenze
45° Antica Salumeria Granieri Amato, Perugia
46° 26HAMBURGER & DELICIOUS, Cava de’ Tirreni
47° Panecotto, Matera
48° ALT, Castel di Sangro
49° Nni Franco U’ Vastiddaru, Palermo
50° Ristorante BOCCIOFILA, Borgomanero

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Massa Lubrense, secondo “La Liste” è Don Alfonso 1890 il miglior ristorante italiano

Posted By : / 27 0

E’ “Don Alfonso 1890” il ristorante migliore in Italia, secondo “La Liste”. Si tratta di…

E’ “Don Alfonso 1890” il ristorante migliore in Italia, secondo “La Liste”. Si tratta di un portale che basa le sue recensioni e classifiche, sulla raccolta di centinaia di guide e milioni di recensioni online. Come si legge, “La Liste” offre la migliore selezione di ristoranti raccolte a mano dai gastronomi più esigenti e dalle guide più esperte.

I critici, seguono alcuni criteri fondamentali per stilare le classifiche:

L’aggregazione, le Recensioni dei migliori ristoranti del mondo da più di 600 guide e pubblicazioni attendibili sono stati inseriti in un enorme database; Standardizzazione, ogni punteggio viene convertito in un grado standard, che vanno da 0 a 100, in base alle tabelle di conversione specifiche per ogni guida; guida di classificazione, a Diverse migliaia di cuochi viene richiesto di esprimere le loro opinioni sulle guide turistiche locali. Secondo i risultati di questo sondaggio, ad ogni guida è dato un “indice di affidabilità” punteggio da 0 (non attendibile a tutti) a 10 (molto affidabile); elaborazione, per ogni ristorante elencato, calcoliamo la media di tutti i punteggi; giudizi dei clienti, nfine, integriamo le recensioni online dai clienti, dando loro una ponderazione del 10% nel punteggio finale”La Liste”.

Ecco che il ristorante di Sant’Agata sui due Golfi, Massa Lubrense, risulta essere il primo in Italia.

Qui la classifica completa.

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Piano di Sorrento, i profumi dell’autunno al ristorante “Zio Sam”: accoglienza e cucina al top

Posted By : / 24 0

Freddo e brutto tempo non possono essere che combattuti con buona cucina e calda accoglienza,…

Freddo e brutto tempo non possono essere che combattuti con buona cucina e calda accoglienza, e in questo Zio Sam” a Piano di Sorrento è sicuramente da consigliare

La location ormai è ben nota, così come la splendida terrazza che affaccia sulla nostra costiera e parte del Golfo di Napoli, con il Vesuvio in bella vista. Sala interna di grandi dimensioni, che si presta al meglio ad eventi e cerimonie: Zio Sam, infatti, è ormai arcinoto per i suoi pranzi e cene di Capodanno, Pasqua e ferragosto, spesso con menù fissi, ottima musica e la magica accoglienza che non manca mai.

Ma a prescindere da quanto sopracitato, quello che veramente merita è sicuramente la cucina. Qui si possono gustare pietanze preparate rigorosamente con prodotti genuini, che seguono la stagionalità, in larga parte coltivati direttamente dai proprietari e serviti ai clienti. Tanti prodotti a chilometro zero, con una ristorazione a base di grandi classici della cucina italiana e partenopea, sia di mare che di terra, come ad esempio la fantastica pasta e fagioli con le cozze, oppure carne alla brace e l’immancabile pizza napoletana, un must del ristorante, davvero da provare, e i dolci vi sorprenderanno…. Magiche anche le zuppe, che di questo periodo sono d’obbligo.

Vasta anche la scelta dei vini, prevalentemente campani.

Trovi Zio Sam in Via Caposcannato 1, Colli di San Pietro – 80063 Piano di Sorrento.

Info e contatti al numero 081 533 3472 .

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Trattoria Pizzeria Positano, dalla Costiera Amalfitana alla Florida! Orgoglio positanese negli States

Posted By : / 30 0

Non è aperta da tanti anni, ma la Trattoria Pizzeria “Positano” di Deland, Florida, è…

Non è aperta da tanti anni, ma la Trattoria Pizzeria “Positano” di Deland, Florida, è diventata già una piccola istituzione. I ragazzi della Costiera amalfitana hanno deciso di cercare il successo negli Stati Uniti d’America e hanno esportato i loro segreti culinari, anzi, i segreti della nostra splendida terra.

E qui si distingue Salvatore Mandara, per noi a Montepertuso “Giubbitiello”, ragazzo sempre bravo, onesto, semplice e lavoratore, ma anche molto creativo. E si vede, visto che si inventa di tutto, come ci dice Julio Fusco, anche il panettone nel barattolo di pomodoro. E’ sempre lo stesso grande che abbiamo conosciuto…

Qui sembra davvero di essere in Italia, nella cucina di casa, dove la nonna prepara la pasta fatta in casa. Non ci sarà la nostra nonna, ma il risultato è davvero poco differente. Il posto ha già riscosso grandissimo successo di critica in brevissimo tempo e ciò non può che renderci felici: giovani positanesi che portano all’estero i segreti della cucina italiana, con amore, passione e professionalità.

“La pasta fresca ripiena è parte integrante della nostra tradizione culinaria italiana -si legge- e una pasta sottile da riempire con carne o preparazioni di ricotta fresca può essere preparata senza alcuna difficoltà.
Per la pasta fresca sono necessari pochi ingredienti: farina di semola, uova, acqua e sale, ma il risultato sarà un piatto molto gustoso”.

I piatti proposto sono molteplici, tutti rigorosamente italiani: dalla pizza, agli spaghetti, dai ravioli, alla pasta al pomodoro fresco. Un tocco di Italia, e di Costiera Amalfitana, in Florida!

Info e contatti –

204 North Woodland Blvd
32720 DeLand, FL

Indicazioni stradali
Highlights info row image

+1 386-873-4510

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Antonino Cannavacciulo “torna” nella sua Ticciano

Posted By : / 32 0

Orta San Giuliano (Novara) Antonino Cannavacciulo, uno degli chef più amati e seguiti d’Italia torna…

Orta San Giuliano (Novara) Antonino Cannavacciulo, uno degli chef più amati e seguiti d’Italia torna a casa, a Ticciano borgo di 500 anime della cittadina di Vico Equense, siamo in penisola sorrentina. Dopo gli anni di sacrifici e grandi soddisfazioni trascorsi nel ristorante “Villa Crespi” (due Stelle Michelin) non ha saputo e voluto resistere al desiderio di investire denaro e professionalità anche nella sua terra. E’ stato suo padre, come racconta lui stesso al giornalista Eugenio Tassini sul Corriere Extra* ediz. del 2 dicembre 2019, a voler acquistare un palazzo dell’Ottocento a Vico Equense a costo di grandi sacrifici, perché dopo il Bistrot aperto a Torino, un caffè a Novara e una Spa a Meta (Sorrento) desiderava tornasse a Ticciano. Racconta Cannavacciulo sul Corriere della Sera: “In questo palazzo sono passati, preti, signori e varie famiglie. Nel ’94 l’hanno messo in vendita, mio padre ha fatto un grandissimo sforzo, e con tutti i suoi risparmi l’ha comprato pensando a me, “ora Tonino sta facendo il giro ma quando torna apriamo qua”. //Io ho fatto uno studio su tutti quelli che hanno abitato il palazzo, voglio fare la stanza del contadino, la stanza del prete, la stanza dello zio pazzo. Quando l’ospite verrà dovrà mangiare 150 anni di storia. Un giardino di aromi, verdure, frutteti. Deve vedere il cuoco che raccoglie quello che serve, lo cucina e lo mangia. Tradizioni, emozioni e storia”.
Non ci resta che aspettare l’inaugurazione intanto Antonino Cannavacciulo è nelle librerie con il suo nuovo ricettario “Il pranzo di Natale” (Einaudi) che ha come mission ancora una volta la lotta agli sprechi alimentari. La cucina degli avanzi dal  Masterchef  di Vico Equense non è mai trascurata.
a cura di Luigi De Rosa

 

*Il Corriere del Mezzogiorno (Corriere della Sera)

Fonte : PositanoNews.it

Read More