Pino Strabioli al Museo Diocesano “San Matteo” di Salerno con “Sempre fiori ,mai un fioraio”

Posted By : / 10 0

Nel “Salotto di Gio’ di Sarno” Antonietta Di Vizia giornalista e conduttrice Rai Pubblica Utilità,…

Nel “Salotto di Gio’ di Sarno” Antonietta Di Vizia giornalista e conduttrice Rai Pubblica Utilità, direttrice di “RomaOggi “
L’amicizia è uno dei legami più forti che ci creiamo con un’altra persona. Essere amico di qualcuno vuol dire starci bene insieme e avere voglia di condividere le nostre cose più belle, ma anche esserci nel momento del bisogno.Trovare dei veri amici non è facile e a volte tocca ricrederci su delle persone che credevamo tali, ma questo non deve scoraggiarci dal credere nell’amicizia e nel prossimo, dato che anche noi saremo sempre il prossimo di qualcun altro.ed infatti sarà l’amicizia,. Quella vera,sincera, spontanea,fatta di parole ma anche di silenzi che giovedì 29 luglio, ore 21.00 nell’ambito della rassegna teatrale “ Il Gioco serio del Teatro …la ripartenza” andrà in scena lo spettacolo “Sempre fiori, mai un Fioraio”, omaggio a Paolo Poli di e con Pino Strabioli con alla fisarmonica il maestro Marcello Fiorini,produzione Alt Academy.“Sempre fiori ,mai un fioraio” è il titolo di un libro edito da Rizzoli. Poli si è raccontato a Strabioli durante una serie di pranzi trascorsi nello stesso ristorante, alla stessa ora nell’arco di due anni.Da queste pagine nasce una serata dedicata al pensiero libero, all’irriverenza, alla profonda leggerezza di un genio che ha attraversato il novecento con la naturalezza, il coraggio, la sfrontatezza che lo hanno reso unico e irripetibile.L’infanzia, gli amori, la guerra, la letteratura, pennellate di un’esistenza che resta un punto di riferimento non soltanto nella storia teatrale di questo paese.Pino Strabioli ha affiancato Poli in palcoscenico ne “I viaggi di Gulliver” e insieme hanno condotto per Rai Tre “E lasciatemi divertire “ otto puntate dedicate ai vizi capitali. Il nome completo di Pino Strabioli è Pino Strabioli, attore, regista e conduttore molto amato dal pubblico italiano,ha iniziato a lavorare in teatro nel 1986 sotto la guida di Patrick Rossi Gastaldi, con il quale ha preso parte a vari spettacoli di cabaret. In televisione è arrivato quando ha cominciato a collaborare con Rai 1, prendendo parte a quattro edizioni di Unomattina (1993-1997) e a tre stagioni di Unomattina Estate (1993, 1997-1998), dove il grande pubblico del piccolo schermo l’ha conosciuto e imparato ad apprezzare.Nel frattempo la passione per il teatro è andata di pari passo e ha continuato a recitare sul palcoscenico. In molti ricordano la sua interpretazione ne I viaggi di Gulliver, versione di Paolo Poli, nella parte dell’autore Jonathan Swift. Dal 2000 Pino Strabioli mostra le sue doti di autore televisivo, oltre che conduttore esordendo con la striscia quotidiana di Rai 3 Cominciamo bene – Prima. Nella stagione 2020-2021 è stato spesso ospite nel salotto di Serena Bortone Oggi è un altro giorno, su Rai 1.Antonietta Di Vizia giornalista di RAI Pubblica Utilità ,sarà intervista nel “Salotto di Gio’ di Sarno”,uno spaccato intimo in cui personaggi importanti si raccontano alla giornalista Gio’ Di Sarno .
Degustazione offerta dall’ Associazione Pasticceri Salernitani
Costo del Biglietto €20,00 con possibilità di abbonamento
Info e prenotazioni al 3922710524 o sulla piattaforma www.postoriservato.it

Fonte : PositanoNews.it

Read More

La verità di Freud

Posted By : / 14 0

La compagia teatrale “Buio in sala” presenta La Verità di Freud di Stefania De Ruvo…

La compagia teatrale “Buio in sala” presenta
La Verità di Freud di Stefania De Ruvo
Secondo Freud la nostra personalità è caratterizzata da ES, IO e SUPER IO.
Es rappresenta la parte non organizzata di noi stessi ed è connessa a pulsioni interne
come fame, sesso e impulsi irrazionali e nella nostra commedia è anche volgare e
chiassoso.
SUPER IO invece rappresenta il concetto di bene/male o giusto/sbagliato tramandato da
genitori, insegnati , modelli di riferimento. Insomma Il super Io è quello che ci fa sentire in
colpa quando sappiamo di aver sbagliato e ci scandisce obblighi morali e di condotta. Na
pesantezza diciamoci la verità!
IO poverino ha il compito di mantenere in equilibrio es e Super Io mitigando le loro volontà
e mostrandosi al mondo intero.
Nadia, la nostra protagonista, purtroppo non riesce a gestire ES e SUPER IO e si ritrova
sbandata tra momenti di impulsi irrazionali e turbinii di sensi di colpa generati da obblighi
morali verso la famiglia.
Tutti i personaggi della commedia avranno fatto vincere una parte della propria personalità
chi ES come Vera (amica di Nadia) e Marco (Fratello di Nadia) e chi il SUPER IO come la
Mamma e la sorella di Nadia.
Riuscirà Nadia a trovare il suo equilibrio? Soprattutto riusciremo a capire quanti fratelli ha
Baldo? Chi è Baldo? Beh venitelo a scoprire!

Ps. Dimenticavo! Es e Super IO non sono visibili oppure dovremmo stare tutti in cura da
nu bbuone dottore.

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Agerola sui Sentieri degli Dei. Mercoledì 28 luglio appuntamento con Marisa Laurito

Posted By : / 9 0

Mercoledì 28 luglio, alle ore 21.00, nuovo appuntamento al festival Sui Sentieri degli Dei a…

Mercoledì 28 luglio, alle ore 21.00, nuovo appuntamento al festival Sui Sentieri degli Dei a San Lazzaro – Anfiteatro Parco Colonia Montana. Si torna sul palcoscenico del Parco Colonia Montana con ‘O babbà è ‘na cosa seria puntata speciale di It’s Now or Never, il programma di Gino Aveta in onda sul canale Rai Radio Live, che vede protagonista la “scapricciatella” Marisa Laurito.

Una kermesse radiofonica “extralarge” dedicata alla grande attrice napoletana, durante le quale, oltre a presentare il suo ultimo libro Una vita scapricciata, i due amici e compagni di lavoro, Aveta e Laurito, racconteranno, con aneddoti e immagini di repertorio, i momenti salienti della carriera dell’attrice, dalla partecipazione a Sanremo a Quelli della Notte dell’amico Renzo Arbore, da Marisa La Nuit a Guarda Stupisci. Sul palco una serie di interventi di amici che dedicheranno alla simpatica Marisa le loro perfomance. La splendida voce di Flo, l’ironia percussiva di Tony Cercola, le emozionanti note di Filly Lupo nel suo omaggio a Napoli e Buenos Aires. E per chiudere, il grande pasticciere Pasquale Marigliano offrirà a tutti i presenti un babà, orgoglio della sua produzione pasticcera.

Al termine della serata, la città di Agerola consegnerà il premio intitolato a Salvatore Di Giacomo a Marisa Laurito, artista tra i massimi esponenti della grandiosa tradizione comica napoletana.

L’ingresso a tutti gli spettacoli sarà gratuito e sarà consentito solo su prenotazione. A tal riguardo sarà online, sul sito della Proloco di Agerola, un sistema di prenotazione dei posti a sedere.

INFO e PRENOTAZIONI

Tutti gli spettacoli al Parco Colonia Montana (circa 450 posti a sedere) iniziano alle 21.00

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria su www.proagerola.it

Procedura di prenotazione – Registrarsi sul sito, inserire i propri dati anagrafici. È possibile prenotare fino a due posti per evento. Ad avvenuta prenotazione, sulla mail inserita in fase di registrazione, sarà inviato un voucher di conferma. Il voucher va esibito al checkpoint (ingresso location) con proprio documento di riconoscimento. Il voucher non è cedibile ad altre persone.

Obbligo di indossare la mascherina dall’ingresso fino al raggiungimento del posto e rispettare le misure di precauzione imposte per legge.

 

Fonte : PositanoNews.it

Read More

“La ragazzina ragno” di Letizia Vicidomini e i “Racconti con i The Smiths” di Paola Bonadies ai salotti letterari in Largo dei Pastai a Minori il 28 luglio

Posted By : / 9 0

“La ragazzina ragno” di Letizia Vicidomini e i “Racconti con i The Smiths” di Paola…

La ragazzina ragno” di Letizia Vicidomini e i “Racconti con i The Smithsdi Paola Bonadies ai salotti letterari in Largo dei Pastai a Minori il 28 luglio

Secondo appuntamento con i Salotti letterari in Largo Solaio dei Pastai nell’ambito degli “Appuntamenti d’Estate” 2021 promossi dal Comune di Minori. Mercoledì 28 luglio, ore 21.00, protagonisti Letizia Vicidomini con “La ragazzina ragno” (Mursia) e Paola Bonadies con “Racconti con i The Smiths” (Paguro). In collaborazione con la Pro Loco di Minori.

Foto

3 di 3

  • “La ragazzina ragno” di Letizia Vicidomini e i “Racconti con i The Smiths” di Paola Bonadies ai salotti letterari in Largo dei Pastai a Minori il 28 luglio
  • “La ragazzina ragno” di Letizia Vicidomini e i “Racconti con i The Smiths” di Paola Bonadies ai salotti letterari in Largo dei Pastai a Minori il 28 luglio
  • “La ragazzina ragno” di Letizia Vicidomini e i “Racconti con i The Smiths” di Paola Bonadies ai salotti letterari in Largo dei Pastai a Minori il 28 luglio

In “La ragazzina ragno” di Letizia Vicidomini c’è una ragazzina appunto che domina il suo mondo domestico come una sovrana dispotica: ordina e stabilisce regole, impone il proprio volere, allunga le zampe come un ragno al centro di una delicatissima ragnatela. Gestisce qualcosa di troppo grande per lei. E viene uccisa, per questo. C’è un ragazzo muto, che però ascolta e vede quello che accade intorno a lui: a volte troppo, e questo potrebbe costargli molto. C’è una famiglia disgregata, fatta da individui soli, compressi nel proprio piccolo universo di minuscoli piaceri e grette soddisfazioni. C’è una donna che sente forte la necessità di correre in aiuto di chi ha bisogno, che chiama a sé un anziano commissario in pensione affinché insieme possano spiegare una morte iniqua, tra i vicoli di Napoli. C’è tanto da capire di una giovane vita spezzata. Più complessa, più adulta, più sporca di quanto dovesse essere alla sua età. Ingiusta. Come la vita sa essere, a volte.

Ciascuno dei “Racconti con i The Smiths” di Paola Bonadies, scrittrice prematuramente scomparsa, si ispira ad una canzone del gruppo inglese The Smiths, riportandone il titolo. L’originale espediente narrativo, lungi dall’essere un semplice quadro di riferimenti diretti, assume però il carattere di un infuocato avvio per un’immaginazione allo stesso tempo fantastica e sentimentale che stravolge le più ovvie aspettative del lettore e lo conduce, con una mano sicura e una forza sconosciuta, in un sentiero fatto di figure meravigliose e mitologiche che nascondono, al di sotto delle loro vicende, un enigmatico ma coerente filo d’Arianna.

Con Letizia Vicidomini e l’attore-regista Attilio Bonadies si intratterrà il direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo Alfonso Bottone, con interventi di Maurizio Ruggiero.

La serata si snoderà nel rispetto delle norme anti Covid 19.

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Cantando sotto le stelle le note di Napoli

Posted By : / 10 0

Le melodie intramontabili di Napoli martedì 27 al Parco Archeologico delle Terme Romane di Baia…

Le melodie intramontabili di Napoli martedì 27 al Parco Archeologico delle Terme Romane di Baia dove tutto ebbe inizio
“That’s Napoli Live Show” spettacolo musicale ideato e diretto dal Maestro Carlo Morelli

Baia era detta la “piccola Roma” tanto era famosa ai tempi dei romani. 2.400 anni addietro l’attuale porto era occupato dalla terraferma ed ai suoi lati, i promontori di Punta dell’Epitaffio e di Punta del Castello, si chiudevano formando un bacino, da questa piccola baia di origine vulcanica prese il nome la località, la leggenda vuole che derivi da Bajos, timoniere e compagno di Ulisse morto e sepolto in questa zona. Il Parco Archeologico delle Terme Romane di Baia è di grande importanza per comprendere la storia di Napoli. I primi insediamenti abitativi sono del I sec. – III secolo a.C. i confini di Baia si sovrapponevano a quelli di Bauli (l’antica Bacoli) e di Puteoli (Pozzuoli). Famose le villae, di ricchi proprietari con un aspetto maestoso, finemente rifinite e dotate di peschiere o piscine per l’allevamento di pesci. Proprio da questi luoghi, dalla storia antica e leggendaria, Napoli trasse le proprie origini.
Martedì prossimo, 27 luglio, al Parco Archeologico delle Terme Romane di Baia (via Sella di Baia, 22) con inizio alle ore 21 lo spettacolo musicale That’s Napoli Live Show ideato e diretto dal maestro Carlo Morelli con le note intramontabili delle più famose melodie napoletane. Un fantastico viaggio dalla canzone classica napoletana al soul partenopeo, dalle nuances delle villanelle al blues mediterraneo.
Gli arrangiamenti del maestro Morelli esaltano e colorano il programma musicale di moderne sonorità presentando rielaborazioni di brani intramontabili. Si andrà da “Tammurriata nera” sulle armonie di “Eye of the tiger” dei Survivor, a “’O surdato ‘nnammurato” su quelle di “Roxanne” dei Police, e ancora “Comme facette mammeta” con “Hit the road jack!” di Ray Charles, “’O Sarracino” su “I will survive” di Gloria Gaynor, fino a “Reginella” tra le note di “I want to break free” dei Queen e “Dancing Queen” degli Abba, e il mash up di “Napule è” di Pino Daniele con “Imagine” di John Lennon. In totale 16 brani per un’ora e mezza di spettacolo. Una rappresentazione che parla di Napoli non solo attraverso le note dei classici autori della Tradizione, ma anche attraverso una gestualità coreografica.
Grande protagonista è il Coro della Città di Napoli. In scena giovani cantanti, divisi in 4 corde. Ragazzi e ragazze di spiccate personalità, musicisti diplomati nei Conservatori, voci estremamente diverse l’una dall’altra, unite da un unico scopo: diffondere buonumore, energia e positività attraverso la Musica. I componenti del Coro prendono “individualità” nel concerto diventando, uno ad uno, interpreti solisti di ogni brano. Il grande coinvolgimento del pubblico, il ritmo, l’esplosione di suoni e colori, sono accompagnati dalla spettacolarità dei brani interpretati “a Cappella”, senza interventi strumentali, dove le sole voci creano armonie complesse e straordinarie che accompagnano melodie famose di grandi classici.
L’evento è promosso e sostenuto dalla Regione Campania, nell’ambito di Campania by Night, organizzato da Scabec in collaborazione con il Parco Archeologico dei Campi Flegrei.

Ingresso 5€ (ridotto 2,50€), prevendite su www.azzurroservice.net/biglietti/thats-napoli-live-show/#.YPvl4BMzboC.

Harry di Prisco

Fonte : PositanoNews.it

Read More

60° Convegno internazionale di Studi sulla Magna Grecia Taranto, 23-26 settembre 2021 Magna Grecia e Sicilia. Storie e strutture a confronto tra VII e V secolo a.C.

Posted By : / 33 0

II 60° Convegno di Studi sulla Magna Grecia si svolgerà in Taranto dal 23 al…

II 60° Convegno di Studi sulla Magna Grecia si svolgerà in Taranto dal 23 al 26 settembre 2021 nelle sedi del Polo Universitario Jonico in via Duomo 259 e del Castello Aragonese di Taranto. Il tema verrà illustrato attraverso una serie di relazioni e Tavole Rotonde. I riassunti delle relazioni saranno distribuiti agli iscritti prima dell’inizio dei lavori. Alle sedute seguirà una libera discussione: gli interventi dovranno essere strettamente pertinenti al tema e la loro durata non potrà superare i cinque minuti. I testi degli interventi, insieme a quelli delle relazioni, verranno pubblicati nel volume degli Atti. È, inoltre, prevista l’esposizione di poster e di pannelli sulle attività di scavo in Magna Grecia, da parte di tutte le Soprintendenze del territorio, nonché di Università e Istituti di ricerca. Come ogni anno, nel corso del Convegno si terrà la Fiera del Libro di interesse storicoarcheologico (invito rivolto agli editori, alle Università e agli Istituti culturali). La partecipazione al Convegno è aperta a tutti gli studiosi e gratuita. La quota di iscrizione, libera, è fissata in € 100,00 e dà diritto a ricevere gli Atti e le altre eventuali pubblicazioni relative al Convegno. La quota va inviata a mezzo bonifico sul c/c bancario (IBAN IT23V0538515801000000120987) o versamento sul c/c postale 10442747 Posta centrale Taranto, intestati all’Istituto per la Storia e l’Archeologia della Magna Grecia, Palazzo d’Aquino, Pendio La Riccia – 74123 Taranto. Per facilitare la partecipazione al Convegno di giovani studiosi interessati all’argomento e meritevoli d’incoraggiamento, sono messi a concorso contributi di studio di € 250,00 ciascuno (€ 300,00 per i residenti all’estero). Le informazioni sul bando di concorso sono  disponibili sul sito www.istitutomagnagrecia.it. Anche i beneficiari di detti contributi fruiranno delle agevolazioni riservate ai convegnisti, ad eccezione delle pubblicazioni.

PROGRAMMA

Giovedì 23 settembre

10.00 Indirizzi di saluto delle Autorità: MIC, Enti Territoriali, MarTA, ISAMG

11,00 Conferenza inaugurale: Magna Grecia e Sicilia nella letteratura greca di V secolo a.C.

(L. Braccesi)

11,40 Relazione della Soprintendente su Taranto e il territorio tarantino (B. Davidde)

Sezione A. Magna Grecia e Sicilia a confronto: storia della storiografia e prospettive attuali

12,10 Magna Grecia e Sicilia tra storia regionale e prospettive mediterranee (C. Ampolo – G. De

Sensi – M. Lombardo)

Sezione B. La memoria storica

15,10 B.1 Memoria e storiografia (M. Giangiulio)

15,40 B.2 Storiografie a confronto:

15,40 B.2a Sicilia (R. Sammartano)

16,10 B.2b Magna Grecia (M. Intrieri)

16,40 Pausa caffè

17,00 B.3 Tavola Rotonda (Introduce M. Nafissi, con Fl. Frisone, L. Porciani, G. Proietti)

18,10 Discussione

Sezione C. Le strutture materiali della città in Magna Grecia e in Sicilia

18,45 C.1 Le città ‘calcidesi’:

18,45 C.1a In Magna Grecia (M. D’Acunto)

19,15 C.1b In Sicilia (G. Tigano)

Venerdì 24 Settembre

9,00 C2. Le città di origine dorico-peloponnesiaca:

9,00 C.2a Forme e strutture delle città della Magna Grecia (F. Longo-L. Ficuciello)

9,40 C.2.b Le città di origine dorico-peloponnesiaca in Sicilia (L. Caliò)

10,10 Pausa caffè

10,20 C.3 Tavola Rotonda (Introduce P.G. Guzzo, con O. Belvedere, A. Dell’Aglio, V. Gassner)

11,30 Discussione

Sezione D. Istituzioni e strutture civiche e politiche

12,00 D.1 Conflitti e dinamiche sociali in M.G. e in Sicilia tra VII e V secolo (A. Dominguez)

12,30 D.2 La tirannide in Sicilia e Magna Grecia (N. Luraghi)

15,00 D.3 Assetti civici e regimi politici tra VI e V secolo (D. Erdas)

15,30 D4. Tavola Rotonda (Introduce F. Cordano, con A. Jacquemin, S. Péré-Nouguès, L. Del

Monaco)

16,40 Discussione

17,10 Pausa Caffè

Sezione E. Esperienze e dinamiche economiche a confronto

17,30 E.1 Sistemi fondiari ed economia rurale in Sicilia e in Magna Grecia (J. Zurbach)

18,00 E.2 Le produzioni (C. Portale e T.E. Cinquantaquattro-L.Tomay)

18,40 E.3 La moneta (S. Garraffo)

19,20 E.4 Commerci e scambi (J.-Chr. Sourisseau)

Sabato 25 Settembre

9,00 E.5. Tavola Rotonda (Introduce F. D’Andria, con St. Vassallo, B. Davidde, M.R. Luberto, C.

Ingoglia).

10,10 Discussione

10,40 Pausa caffè

Sezione F. Le strutture del sacro: templi e santuari. Una scelta di temi.

10,50 F.1 I thesmophoria in Sicilia e in Magna Grecia (F. Spatafora)

11,20 F.2 Casi di studio:

  1. Fuori e dentro la polis: modelli di interpretazione del sacro in Magna Grecia (V. Parisi)

11,40 b. Il sistema dei santuari siculi dell’area etnea (N. Cusumano)

12,00 Tavola Rotonda “Santuari e offerte votive in Sicilia e Magna Grecia”: (Introduce M. C. Parra,

con M. De Cesare, R. Graells, A. Siciliano).

15.00 Tavola Rotonda “Strutture templari e decorazioni architettoniche in Sicilia e Magna Grecia”

(Introduce D. Mertens, con G. Rocco, C. Rescigno, U. Spigo, G. Greco, M. Wolf)

16,15 Discussione sulla Sezione F.

16,40 Pausa caffè

Sezione G. Lingue e scritture

17,00 G.1 Tavola Rotonda “Dinamiche di convergenza e divergenza tra ambienti dialettali dorici e

ionici in Sicilia e Magna Grecia” (Introduce A. Cassio, con P. Poccetti, O. Tribulato, E. Rosamilia)

18,10 G.2 Tavola Rotonda “Alfabeti e scrittura in Magna Grecia e in Sicilia, tra identità e interazione

culturale” (Introduce M.L. Lazzarini, con G. Boffa, C. Grotta, V. Mignosa)

19,20 Discussione

Castello Aragonese

Domenica, 26 Settembre

Sezione H. I Greci e gli altri fra antropologia, archeologia e storia

9,00 H.1 La Sicilia (St. De Vido)

9,30 H.2 La Magna Grecia (M. Osanna)

10,00 Pausa Caffè

10,15 H.3 Tavola Rotonda (Introduce A. Pontrandolfo, con G.F. La Torre, A. Bottini, R. Panvini, F.

Mollo, L. Cerchiai)

11,30 Discussione

12,00 Conclusioni (E. Greco)

N.B. Il tempo assegnato a ciascuna relazione è da intendersi comprensivo di un breve spazio (ca. 5-6

min.) dedicato alla formulazione di osservazioni o domande ‘telegrafiche’ e alle eventuali risposte

dei relatori.

Fonte : PositanoNews.it

Read More

UN MARE DA COLTIVARE – LO SFRUTTAMENTO DELLE RISORSE NEL MEDITERRANEO ROMANO

Posted By : / 42 0

Il 28 luglio alle ore 18.30, presso il  Parco Archeologico di Baia- Terme di Baia,…

Il 28 luglio alle ore 18.30, presso il  Parco Archeologico di Baia- Terme di Baia, Terrazza dei lecci alla villa dell’Ambulatio  si terrà la
presentazione del volume
UN MARE DA COLTIVARE
Lo sfruttamento delle risorse nel Mediterraneo romano
di Annalisa Marzano
(Scienze e Lettere 2021)
Intervengono
Fabio Pagano (Parco archeologico Campi Flegrei)
Helga Di Giuseppe (Scienze e Lettere)

Daniela Cottica (Università Ca’ Foscari Venezia)
Dario Bernal Casasola (Universidad de Cádiz)
Alfredo Carannante (International Research Institute for Archaeology and Ethnology)

Sarà presente l’Autrice

L’occasione sarà gradita anche per l’inaugurazione di un nuovo percorso di visita subacqueo, a cui saremo collegati

L’evento si svolgerà in presenza e sarà seguibile in diretta sulla pagina Facebook del Parco Archeologico dei Campi Flegrei.

La ricerca che qui si presenta offre il primo studio sistematico sullo sfruttamento di varie risorse marine nel Mediterraneo romano; il quadro d’insieme che ne risulta mette in evidenza l’importanza sociale ed economica rivestita da attività come la pesca su larga scala, le salagioni di pesce, l’acquacoltura o la produzione di sale e tintura di porpora. Gli obiettivi dell’opera sono due: offrire uno studio generale delle varie attività produttive incentrate sul mare nel periodo romano e analizzare il loro ruolo nelle economie regionali insieme alla struttura organizzativa e sociale. Grazie all’approccio interdisciplinare, che combina fonti letterarie, epigrafiche, giuridiche, archeologiche ed etnografiche, questo studio mostra che lo sfruttamento di varie risorse marine era un importante elemento dell’economia romana, da considerarsi, per scopo e produzione finalizzata al mercato, alla stessa stregua delle attività economiche basate sullo sfruttamento della terra. Il libro si sofferma anche sull’importanza delle innovazioni tecnologiche e l’organizzazione del lavoro e manodopera, affiancando alle fonti antiche dati e fonti etnografiche per valutare la produttività delle antiche tecniche di pesca e allevamento. Lo studio affronta l’importante questione dello status giuridico del mare e se lo stato romano potesse, in circostanze particolari, imporre monopoli sui diritti di pesca in mare. Un attento esame delle fonti mostra, inoltre, come il quadro di riferimento giuridico esistente nel periodo imperiale potesse essere manipolato o ignorato nel tentativo di controllare risorse naturali a fini di sfruttamento economico.

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Vico Borghi Piazze e Terrazze- Concerti al Tramonto

Posted By : / 33 0

Concerti al tramonto, con questa formula già sperimentata negli anni ,con grande successo , per…

Concerti al tramonto, con questa formula già sperimentata negli anni ,con grande successo , per Vico D’Estate 2021, il Comune in collaborazione con il direttore Artistico Paolo Scibilia, produce due concerti di respiro internazionale. Martedi 27 luglio alle ore 19.00 ad Astapiana, il maestro Bruno Canino e sabato 31 luglio , il quartetto del San Carlo all’Abbazia di Crapolla in località san Salvatore di Vico Equense. Posti magnifici, ricchi di arte e storia , che da soli valgono la pena di conoscere, figuriamoci con i grandi della musica classica. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria al 3336353444.

May be an image of 4 people and text that says 'govico equense.it città Vico Equense vico d'estate 2021 Vico borghi piazze terrazze direzione artistica Paolo Scibilia CONCERTO pianista BRUNO AL TRAMONTO CANINO 27 del Camaldoli Arola LUGLIO Astapiana località Borgata ore 19.00 Ingresso ibero su prenotazione: 3336353444 CONCERTO QUARTETTO D ARCHI del Teatro AL TRAMONTO DEL 31 diS. di Carlo Di Napoli Cecilia Laca violino, Luigi Buonomo violino, LUGLIO Antonio Bossone •violoncello clarinetto Luca Signorini Mariano Lucci Solista: ore 19.00 Abbaz Borgata San Salvatore Crapolla Ingresso libero su prenotazione: 3336353444 SUNSET CONCERT Acurad S.C.S. Società dei Concerti iSorrento'

Generico luglio 2021

Vico Borghi, Piazze e Terrazze V edizione 2020, concerti al tramonto:
Martedì 27 luglio il pianista Bruno Canino sul belvedere della storica Villa Giusso Astapiana
Vico Equense. Parte il 27 luglio la quinta edizione di «Vico Borghi, Piazze e Terrazze», con una proposta di due
concerti al tramonto a Luglio. Una rassegna organizzata, nell’ambito del più ampio programma “Vico d’Estate 2021”,
dall’Amministrazione comunale (nella persona del Sindaco Andrea Buonocore) e promossa dall’Assessorato al Turismo
e Cultura di Vico Equense, nella persona del neo-assessore Annalisa Donnarumma, in collaborazione con la S.C.S.
Società dei Concerti di Sorrento e la direzione artistica del noto maestro Paolo Scibilia, atta a valorizzare e
contemplare, attraverso l'ascolto della musica classica, il suggestivo patrimonio ambientale, storico e paesaggistico di
Vico Equense, prima porta di accesso alla Penisola Sorrentina. La rassegna annovera due grandissime realtà artistiche di
fama internazionale e programmi versatili, godibili anche dal pubblico non esperto del settore. Primo appuntamento
della rassegna è fissato Martedì 27 luglio, alle 19:00, sul belvedere del storica Villa Giusso Astapiana​ (Loc. Camaldoli
di Arola), con l’esibizione del celebre pianista BRUNO CANINO, uno dei massimi artisti degli ultimi 80 anni di storia
del pianismo italiano ed internazionale, in un concerto intitolato “Da Barocco al Romanticismo”: J.S. Bach . Suite
francese n. 5 in sol magg. BWV 816, L. van Beethoven – Sonata  in do diesis min. op. 27 n.2 “Al chiaro di
Luna”, F. Mendelsshon – Variations Sérieuse Op. 54, F. Chopin – Berceuse Op. 57 e Scherzo n. 2 Op. 31.
Secondo appuntamento Sabato 31 luglio, ore 19.00, al belvedere dell’Abbazia di Crapolla (Loc. S. Salvatore) che
schiude per la prima volta le porte alla grande musica classica, ospitando il QUARTETTO D’ARCHI DEL TEATRO
DI SAN CARLO DI NAPOLI, composto dalle prime parti dell’Orchestra del Teatro dell’Opera più antico d’Europa
(Cecilia Laca – violino, Luigi Buonomo – violino, Antonio Bossone – viola, Luca Signorini – violoncello. Solista:
Mariano Lucci – clarinetto, sempre dell’Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli) interpreta: A.Dovorak – Quartetto
Nr. 12 Quartetto in Fa magg, Op. 96 “Americano”, J. Brahms – Quintetto con clarinetto in Si minore Op.115. Un nuovo
mix di grandi interpreti della musica classica e suggestioni, tra suoni, natura, scenari mozzafiato, paesaggi e storia,
quella di "Vico Borghi Piazze e Terrazze" 2021, di cui la Citta, con le sue ben 13 frazioni, vanta forse il primato in tutta
la Penisola Sorrentina, per estensione, ricchezza, varietà e bellezza.
INGRESSO LIBERO su prenotazione al Tel. 3336353444 (causa posti limitati e regole anti-Covid 19). In caso di
maltempo, gli eventi si terranno al coperto nelle vicinanze. Il presente programma potrebbe subire variazioni per cause
di forza maggiore. Info e prenotazioni: www.vicoequense.it – Tel. 3336353444

CITTA DI VICO EQUENSE
Ass.to al Turismo e Cultura
S.C.S. Società dei Concerti di Sorrento
VICO​ BORGHI​ PIAZZE​ E​ TERRAZZE
Concerti al Tramonto
V edizione – Luglio 2021
Direzione artistica: Paolo Scibilia
PROGRAMMA
Mar 27 luglio, ore 19.00
Belvedere Villa Giusso Astapiana​ (Loc. Camaldoli di Arola)
BRUNO CANINO – pianista
“Uno dei massimi artisti degli ultimi 80 anni di storia del pianismo italiano ed internazionale, interpreta Bach,
Beethoven, Mendelssohn, Chopin”

Sab 31 luglio, ore 19.00
Belvedere Abbazia di Crapolla (Loc. S. Salvatore)
QUARTETTO D’ARCHI DEL TEATRO DI SAN CARLO DI NAPOLI
Cecilia Laca – violino, Luigi Buonomo – violino, Antonio Bossone – viola, Luca Signorini – violoncello. Solista:
Mariano Lucci – clarinetto dell’Orchestra del Teatro di S. Carlo di Napoli
“Le prime parti dell’Orchestra del Teatro dell’Opera più antico d’Europa interpreta Dvorak, Brahms”
INGRESSO LIBERO
su prenotazione al Tel. 3336353444 (causa posti limitati e regole anti-Covid 19).
In caso di maltempo, gli eventi si terranno al coperto nelle vicinanze.
Il presente programma potrebbe subire variazioni per cause di forza maggiore. Info e prenotazioni: www.vicoequense.it
– Tel. 3336353444

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Sorrento. Il Museo Correale omaggia Caruso sulla terrazza Belvedere e inaugura il restauro della statua di Cerere

Posted By : / 28 0

Il Museo Correale omaggia Caruso sulla terrazza Belvedere e inaugura il restauro della statua di…

Il Museo Correale omaggia Caruso sulla terrazza Belvedere e inaugura il restauro della statua di Cerere. Venerdì 30 Luglio “E ricomincia il canto”: 100 anni dopo Caruso

Sorrento. Al Museo Correale, Venerdì 30 Luglio alle ore 20:00 si terrà il concerto lirico “E ricomincia il canto”. L’evento avrà luogo sullo splendido Belvedere del Museo Correale, proprio dinanzi al “Golfo di Surriento”, luogo legato indissolubilmente al tenore Enrico Caruso, di cui quest’anno ricorre il centenario della morte.

«Il Belvedere del Museo Correale costituisce la location ideale per omaggiare degnamente la figura di Enrico Caruso che con Sorrento aveva un legame speciale» commenta il Presidente del Museo Correale Gaetano Mauro. Gli fa eco il direttore del Museo Correale, Paolo Jorio: «Si ricomincia con la musica. Un inizio che non vale solo per il nostro museo: le note dei capolavori che Caruso ha portato nel mondo costituiscono il miglior auspicio per una ripartenza del turismo all’insegna della cultura, dell’arte e della bellezza».

«Proprio da Sorrento è partito nei giorni scorsi il ciclo di omaggi a Caruso, voluto da Regione Campania e Scabec.  Con questa iniziativa del Museo Correale, la nostra città prosegue nel tributo ad un grandissimo artista, ambasciatore nel mondo della nostra terra», sottolinea il sindaco di Sorrento, Massimo Coppola.

Il repertorio della serata è succulento: arie d’opera come “Pagliacci”, la cui registrazione discografica proprio di Enrico Caruso è stato il primo disco ad aver superato il milione di copie vendute, brani dal “Rigoletto”, la romanza “Mattinata”, fino alla canzone napoletana con “Tu ca nun chiagne”. Un viaggio musicale vista mare, orchestrato dalla compagnia “Opera e Lirica” guidata da Giusi Cuccaro e eseguito dall’ensemble musicale composto dai tenori Marco Ferrante e Achille Del Giudice e dai musicisti Ivan AntonioNorma Ciervo e Andrea Montella.

Diretta streaming della serata negli U.S.A. – grazie a Filitalia International & Foundation, l’organizzazione non profit sociale fondata nel 1987 con lo scopo di preservare e difendere l’eredità culturale e tradizionale italiana negli Stati Uniti e nel mondo incoraggiando lo studio della lingua e cultura italiana.

Il concerto sulla terrazza Belvedere del Museo Correale è ad ingresso libero con prenotazione obbligatoria al sito www.museocorreale.it. In occasione dell’evento sarà anche presentata la statua di Cerere, il cui restauro è stato finanziato dal Grand Hotel Ambasciatori.

Il Museo Correale omaggia Caruso sulla terrazza Belvedere e inaugura il restauro della statua di Cerere

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Positano, nella Cripta straordinaria mostra di reperti ceramici del IV secolo a.C. recuperati dai carabinieri

Posted By : / 23 0

Positano, Costiera amalfitana . Mercoledì 28 luglio ore 17.30 nella Cripta medievale della Chiesa Madre…

Positano, Costiera amalfitana . Mercoledì 28 luglio ore 17.30 nella Cripta medievale della Chiesa Madre ci sarà una straordinaria mostra di reperti ceramici del IV secolo avanti Cristo recuperati dagli uomini dell’Arma . Interverrà la Soprintendente Francesca Casule

A Positano  si punta sulla cultura con eventi di straordinario valore, a cominciare dal M.A.R. , il Museo Archeologico legato alla Villa Romana, sicuramente la scoperta più importante dell’ultimo quarto di secolo in Costa d’ Amalfi e una delle più importanti della Campania e d’ Italia in assoluto per la bellezza unica e lo stato di conservazione e Positanonews ne ha seguito e apprezzato tutte le fasi.  Ora una mostra di reperti ceramici del IV secolo a.C. Le opere trafugate e strappate al mercato clandestino sono state recuperate dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli davvero encomiabili in queste opere meritorie di recupero.

La Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino comunica che mercoledì 28 luglio 2021, alle ore 17.30, sarà inaugurata all’interno della Cripta inferiore della Chiesa Madre di Positano una mostra espositiva con l’allestimento di due preziosi reperti archeologici trafugati e strappati al mercato clandestino. I reperti ceramici consegnati al Comune di Positano, sequestrati nel luglio 2012 dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, sono provento di una complessa attività di indagine nei confronti di un sodalizio criminale dedito allo scavo clandestino ed alla ricettazione sul territorio nazionale ed estero di beni archeologici sottratti da importanti giacimenti di antichità della regione Campania. Si tratta di un cratere a campana e un piatto da pesce a figure rosse del IV secolo a.C. restituiti alla pubblica fruizione in una nuova e prestigiosa veste allestitiva, all’interno di uno spazio destinato dall’attuale Amministrazione a futuri eventi espositivi. L’obiettivo della mostra non è soltanto esporre i due reperti archeologici, ma anche rendere nota alla Comunità e al grande pubblico l’energica azione di contrasto ai reati contro il patrimonio culturale condotta dai Carabinieri in collaborazione con il MiC, i suoi uffici periferici e gli Enti Locali. Alla presentazione interverranno Francesca Casule (Soprintendente SABAP SA-AV), Silvia Pacifico (funzionario di zona SABAP SA-AV) Giampaolo Brasili (Maggiore CC TPC), Giuseppe Guida (Sindaco di Positano).

Mostra reperti archeologici recuperati dai carabinieri a Positano

Fonte : PositanoNews.it

Read More