19

Ott
2021

Da Napoli, Capri e Sorrento la richiesta di fiscalità compensativa

Posted By : / 51 0

Giovedì 21 ottobre a Napoli ci sarà un importante appuntamento “Sud e Nord insieme verso…

Giovedì 21 ottobre a Napoli ci sarà un importante appuntamento “Sud e Nord insieme verso l’Europa. Coesione territoriale 2021-2030”

Sarà presente anche il Presidente Nazionale di Confindustria Bonomi.

È una occasione per rilanciare con determinazione e convenzione la questione della fiscalità compensativa per il mezzogiorno

Sembra che oramai il tema della “fiscalità di vantaggio” per il Mezzogiorno non interessi più nessuno mentre rappresenterebbe finalmente uno strumento per supportare l’economia delle regioni meridionali.

Venti anni fa più volte questa richiesta veniva fatta ai Governi di allora.

Ma la risposta era sempre la stessa e cioè che l’Unione Europea era contraria a questa misura perché riteneva che potesse creare problemi di concorrenza applicare una fiscalità differente in aree diverse dello stesso paese.

Commettendo due gravi errori.

Il primo quello di intervenire sulle decisioni di politica fiscale di un paese.

Il secondo non capire che proprio lasciando la stessa fiscalità in tutte le regioni italiane si confermava uno scenario di concorrenza sleale per le imprese del mezzogiorno, zavorrate da concomitanti e note diseconomie strutturali che ne ostacolavano la possibilità di svolgere un’attività alla pari degli imprenditori delle regioni settentrionali.

I Governi italiani hanno sempre evitato di aprire un “fronte” su tale questione con l’Unione Europea, accettando la situazione di non poter applicare una fiscalità differenziata nelle varie zone del paese.

La situazione è profondamente cambiata ed aggravata in questi 20 anni.

Perché siamo colpiti da una devastante crisi collegata alla pandemia.

Perché il divario Nord-Sud è aumentato.

Perché il nostro Premier Draghi ha una autorevolezza enorme in ambito Ue dove la situazione è diversa rispetto a 20 anni fa.

Senza esitazione è fondamentale procedere a una “fiscalità di compensazione” per il Sud con il benestare dell’Unione Europea.

Questo strumento attiverebbe un meccanismo automatico finalizzato a consentire realmente lo sviluppo dell’economia meridionale e di tutto il paese.
Non farlo sarebbe incomprensibile.

Abbiamo trasmesso questa questa nostra proposta al Presidente di Confindustria Napoli Manfellotto sperando che la condivida e la esponga al convegno di giovedì

Sergio Fedele
Presidente Atex Campania

Graziano d”Esposito
Presidente Atex Isola di Capri

Bernardo Amodio
Presidente Atex Napoli

Fabrizio Di Gennaro
Presidente Atex Vico

Pietro Cannavacciuolo
Presidente Atex Meta

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Leave your comment