24

Mar
2019

Dal “Cupolone” di Positano al giardino le magie dolci di Valentì

Posted By : / 969 0

Dal “Cupolone” di Positano al giardino le magie dolci di Valentì , non può mancare…

Dal “Cupolone” di Positano al giardino le magie dolci di Valentì , non può mancare sul nuovo Enogastronautanews, il blog di “Food and Wine” di Positanonews del primo giornale online della Costiera amalfitana e Penisola Sorrentina dal 2005.

Bellezza e bontà sono state da sempre nel dna di Valentino Esposito, determinato imprenditore della perla della Costiera amalfitana. Così è passato dalla Moda Positano all’enogastronomia, imponendosi anche a livello internazionale in Costa d’ Amalfi, seguendo un’unico e preciso filone, quello della nostra terra di noi che la viviamo e anche le forti tradizioni paterne, oltre a una forte fede alla Madonna che evidenzia sempre nella sua presenza costante alle processioni e manifestazioni religiose della Chiesa.

La fede, la forza di volontà, la determinazione e lo spirito di sacrificio caratteristico della nostra gente, di chi vive qui e strappa ogni centimetro con fatica alla vita, lo hanno portato all’affermazione della sua nuova attività .

L’azienda “VALENTÌ” è partita dal limoncello , alle marmellate, e dalle caramelle e gli ovetti di cioccolato fino al panettone, il “cupolone” di Positano, con un logo nato dal disegno che la figlia ha portato da scuola.

Un’idea geniale visto che è piccolo, facilmente trasportabile anche nelle vendite all’estero, dove Valentino è sempre presente da Londra a New York. E’ buono e bello, le caratteristiche dei prodotti di qualità.

Adatto a tutte le stagioni, dal Natale a Pasqua, addirittura va a ruba anche in estate. Da Praiano dove aveva il suo laboratorio a Positano a Liparlati dove porta avanti l’attività anche con un giardino panoramico dove poter fare eventi dove è andato a trovarlo l’amica Angela Merolla di cui ammiriamo le sue splendide foto.

Michele Cinque

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Scopri di più sulla Costiera Amalfitana e sulla Penisola Sorrentina:

Oppure:

Leave your comment