Enogastronautanews

Gli “struffoli” al bar Romano di Meta, ecco il segreto di questa gustosa tradizione natalizia…

Gli “struffoli” al bar Romano di Meta, ecco il segreto di questa gustosa tradizione natalizia . Ne parliamo anche  su “Enogastronautanews” il magazine online di Positanonews, il primo giornale online della Costiera amalfitana e Penisola Sorrentina, dedicato solo a cibo , food e turismo .  La tradizione napoletana vanta tante preparazioni tra cui spiccano quelle dolci come i mostaccioli, i biscotti all’amarena, le sfogliatelle e… gli immancabili struffoli, i dolci più caratteristici del periodo natalizio. Per chi viene da Napoli per Sorrento e la Penisola Sorrentina, la sosta a Meta è d’obbligo, immancabile quella per i dolci “i metesi sono ngannaruti” , si dice, ed è vero. I migliori dolci li trovate qui, vengono anche da Capri e Positano per rifornirsi in una vera pasticceria tradizionale e artigiana, siamo al Bar Romano e , vi assicuriamo, gli struffoli qui sono eccezionali, anche se sono un pericolo per la linea, troppo buoni.. Pazienza un pò di moto in più, ma ne vale la pena.

Struffoli Bar Romano

Per chi ancora non avesse mai sentito parlare degli struffoli, basti dire che sono delle piccole palline di pasta dolce, fritte e poi immerse nel miele e decorate con confettini colorati e frutta candita.

Per quanto riguarda le origini degli struffoli, dobbiamo tornare indietro fino all’età degli antichi Greci che pare li abbiano esportati nel Golfo di Napoli al tempo di Partenope. Ed è proprio dal greco che secondo molti deriverebbe anche il nome “struffoli”: più precisamente dalla parola “strongoulos”, ovvero “dalla forma arrotondata”. Altre teorie sostengono che la parola struffolo deriverebbe da “strofinare”, il gesto che compie chi lavora la pasta, per arrotolarla a cilindro prima di tagliarla a tocchetti. Altri ancora, pensano che lo struffolo si chiami così perché “strofina” il palato, ovvero lo solletica con il suo dolce sapore.

Nonostante sia una preparazione molto conosciuta ed apprezzata, gli struffoli hanno una larga diffusione solo nell’Italia meridionale dove ne esistono diverse versioni, tutte più o meno simili alla ricetta originale ma con nomi diversi: in Calabria “cicirata”, in Umbria ed Abruzzo “cicerchiata” ed a Palermo “strufoli”. Oggi vogliamo mostrarvi quanto è facile prepararli con la ricetta dello storico caffè Gambrinus, di Napoli!

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Scrivi un commento