14

Giu
2022

Il must dell’estate 2022: la brioche pandoro di Zio Rocco col gelato soft alla crema di bufala

Posted By : / 27 0

Siccità e temperature più alte rispetto alla media degli ultimi anni saranno le caratteristiche dell’estate…

Siccità e temperature più alte rispetto alla media degli ultimi anni saranno le caratteristiche dell’estate del 2022. I modelli stagionali descrivono condizioni meteo termicamente sopra media in tutta Europa. Il modello europeo registra temperature comprese tra 1 e 2°C sull’Europa centro meridionale. Mai come nell’ultimo anno, prima il lockdown con le restrizioni per la pandemia, poi il meteo che definire impazzito sembra più che appropriato. La nostra serenità è basata su qualche ora di svago all’aperto, pertanto il meteo diventa indispensabile per programmare le vacanze, le ferie, le gite fuori porta. Per consolarci di tanta incertezza ci viene incontro lo Zio di tutti, “Zio Rocco”, al secolo il pastry chef Rocco Cannavino che ha lanciato attraverso una simpatica campagna marketing il nuovo prodotto disponibile nei weekend dell’Estate 2022 esclusivamente nei Lab Store di Napoli e Pomigliano d’Arco. Lo Zio è sparito per una settimana dai suoi Lab Store, i suoi social sono stati hackerati da una “Resistenza” che si ribellava ai fuori menù disponibili solo per un mese, apparendo in un video preso in ostaggio e legato. Un modo unico e originale, quello del pastry chef Rocco Cannavino, in arte Zio Rocco, per annunciare la nascita di un nuovo prodotto: la brioche pandoro con gelato soft alla crema di latte di bufala.

Così il suo morbidissimo lievitato incontra per la prima volta il freddo, servito con crema al pistacchio e pistacchi tostati e salati in superficie. Il prodotto, accompagnato anche da un cucchiaino, può essere gustato solo ed esclusivamente presso gli store (a Napoli in vico Polveriera e a Pomigliano d’Arco in via Roma), quindi non presente sulle piattaforme di delivery, e sarà disponibile tutti i sabato e domenica per tutta l’estate 2022. Zio Rocco ha così presentato il nuovo nato: «Il cambiamento non doveva essere un nuovo fuori menù e nemmeno un nuovo prodotto fisso, volevo che il cambiamento fosse un’esperienza mai vissuta nei Labstore, senza essere troppo elaborata ma di grande spessore e sicuramente più duratura e soprattutto che potesse essere disponibile contemporaneamente ai fuori menù»

Harry di Prisco

 

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Leave your comment