10

Ago
2021

Massa Lubrense: a Sant’Agata la ventesima edizione del premio Salvatore Di Giacomo

Posted By : / 307 0

VENTESIMA EDIZIONE DEL PREMIO SALVATORE DI GIACOMO PROMOSSO DALLA PRO LOCO DUE GOLFI DI SANT’AGATA…

VENTESIMA EDIZIONE DEL PREMIO SALVATORE DI GIACOMO

PROMOSSO DALLA PRO LOCO DUE GOLFI DI SANT’AGATA SUI DUE GOLFI. LA CERIMONIA DI CONSEGNA DEI RICONOSCIMENTI VENERDì 27 AGOSTO 2021 ALLE ORE 20.30 IN PIAZZA SANT’AGATA

Sant’Agata sui due golfi, dopo la forzata sospensione del 2020, anche per il 2021 celebra il poeta e scrittore Salvatore Di Giacomo. L’evento quest’anno approda alla XX edizione. La manifestazione, ideata e realizzata fin dal 2001 dalla Pro Loco Due Golfi, presieduta da Donato Iaccarino, con la collaborazione di Alfonso Iaccarino, patron del ristorante stellato, vuole ricordare il massimo poeta napoletano, divenuto santagatese d’adozione avendo frequentato l’amena località collinare del Comune di Massa Lubrense per numerose villeggiature all’inizio del Secolo scorso.

In questa edizione i riconoscimenti verranno attribuiti allo scrittore Maurizio De Giovanni e al giornalista Antonello Perillo, Caporedattore Centrale Responsabile Tgr Rai della Campania.

La cerimonia di premiazione in programma venerdì 27 agosto prossimo, alle ore 20.30 nella piazza di Sant’Agata sui due Golfi, dove, negli anni Trenta del Secolo scorso, si intratteneva ogni giorno “Don Salvatore”.

Massa Lubrense: a Sant'Agata la ventesima edizione del premio Salvatore Di Giacomo

Maurizio de Giovanni

Maurizio de Giovanni nasce il 31 marzo del 1958 a Napoli. Come scrittore è arrivato tardi al successo, solo nel 2005, all’età di 47 anni. Dopo la maturità classica, conseguita studiando presso l’Istituto Pontano di Napoli, si laurea in Lettere Classiche. Lavora poi in banca spostandosi anche in Sicilia. Maurizio torna poi nella sua città natale per lavorare presso il Banco di Napoli. Nella sua gioventù c’è anche l’attività sportiva. A vent’anni infatti, Maurizio de Giovanni è un giocatore di pallanuoto, titolare nella squadra Posillipo e anche nella Nazionale azzurra. La sua carriera in questo campo si conclude giocando con il Volturno, squadra con la quale – da capitano – passa dalla serie C alla serie A2. Gli esordi letterari nel 2005, partecipa, presso il Gran Caffè Gambrinus, a un concorso organizzato da Porsche Italia e dedicato a giallisti emergenti. Crea, quindi, un racconto che ha come protagonista il commissario Ricciardi, intitolato “I vivi e i morti”, la cui trama si svolge a Napoli ed è ambientata negli anni Trenta. Maurizio de Giovanni, tifosissimo del Napoli, si è dedicato anche al tema dello sport, grazie alla collaborazione con Cento Autori. Con questo editore pubblica: “Juve-Napoli 1-3 – la presa di Torino”, “Ti racconto il 10 maggio”, “Miracolo a Torino – Juve-Napoli 2-3” e “Storie azzurre”. Poi pubblica l’antologia di Spartaco: “Per segnare bisogna tirare in porta” e il racconto “Maradona è meglio ‘e Pelé”.

Antonello Perillo

Caporedattore Centrale Responsabile Tgr Rai della Campania. Antonello Paolo Perillo è nato a Napoli il 29 giugno 1961. Giornalista professionista dal 1988, ha mosso i primi passi giornalistici nelle redazioni dell’agenzia di stampa Rotopress, del settimanale Napoli Oggi e del quotidiano Il Giornale di Napoli. Già direttore dei servizi giornalistici dell’emittente televisiva “Canale Otto”, ex collaboratore di varie testate nazionali (tra le quali i quotidiani Il Tempo e Il Mattino) nel 1992 ha vinto il primo premio nazionale culturale “Grimaldi Ausonia” per il settore radiotelevisivo, grazie ad una serie di reportage effettuati all’estero. Entrato in Rai nel 1992, è conduttore del Tg Campania ed ha condotto da studio per diversi anni le edizioni mattutine del TG1 e del TG2 prodotte dalla redazione di Napoli, nonché, per sette edizioni, la trasmissione Neapolis, rubrica nazionale pomeridiana di Rai 3 dedicata alla promozione delle nuove tecnologie. Dal 18 febbraio 2013 è il Caporedattore Centrale Responsabile alla guida della Tgr Rai della Campania.

Salvatore Di Giacomo (13 marzo 1860, Napoli 5 aprile 1934) iniziò a trascorrere le sue vacanze estive a Sant’Agata sui due Golfi nel 1909 dopo una visita “culinaria” alla pensione-ristorante Iaccarino, fondata e gestita da Don Alfonso Iaccarino, nonno dell’attuale patron del Don Alfonso 1890. “Don Salvatore”, come era amichevolmente appellato dalla popolazione locale, fu folgorato dalla cucina di Don Alfonso (il Nonno) e dall’aria fine della zona collinare di Massa Lubrense. Difatti già dalla fine di giugno vi si trasferiva per fuggire, come diceva lui, dall’afa opprimente di Napoli, intrattenendosi sul posto fin dopo ferragosto. Lasciò Sant’Agata sui due Golfi, per non farvi più ritorno, nell’estate del 1930, colpito da un malore. Fece scalpore, per quei tempi, l’arrivo in paese di un’ambulanza che lo trasferì a Napoli, dove morì il 5 aprile del 1934. Personaggio amato e rispettato a Sant’Agata sui due Golfi, ove la sua costante presenza ha lasciato ricordi indelebili nella popolazione locale, soprattutto fra coloro che ebbero il piacere di conoscerlo.

La serata condotta dal giornalista Peppe Iannicelli, quest’anno sarà caratterizzata da un velo di tristezza per l’assenza di Franco Simioli, instancabile animatore della manifestazione, recentemente scomparso. Il Premio, un bassorilievo in ceramica raffigurante Don Salvatore sulla piazza di Sant’Agata, realizzato dall’artista ceramista Raffaele Mellino, sarà consegnato alla presenza del sindaco, Lorenzo Balducelli, dal presidente della Commissione, Antonino Cuomo (formata anche da Peppe Iannicelli e Antonino Siniscalchi) e da Donato Iaccarino, fondatore ed artefice principale del Premio.

Nell’ambito della manifestazione, inoltre, sono previsti altri eventi.

Massa Lubrense: a Sant'Agata la ventesima edizione del premio Salvatore Di Giacomo

INCONTRI LETTERARI

Presso la Sala della Congregazione del S. S. Rosario di Sant’Agata sui due golfi.

Lunedì 16 agosto ore 20.00. Presentazione del volume “Saluti dalla Penisola Sorrentina” di Franco Gargiulo e Salvatore Castellano

Sabato 21 agosto ore 20.00 “Ricordo di Enrico Caruso”. Incontro con la vita e l’arte del grande tenore con la partecipazione di Pietro Gargano, Presenta Donato Iaccarino

PASSEGGIATE

Domenica 22 agosto Escursione guidata “Il sentiero del Grand Tour”. Partenza da Sant’Agata ore 16.00.

Domenica 5 settembre. Escursione guidata  “Il Monte di Torca”. Escursione guidata “Intorno al Deserto”

Partenza da Sant’Agata ore 10.30

CONCERTO

Giovedì 26 agosto – ore 21.00 – Villa Cerulli in Via Reola a Sant’Agata. Concerto Lirico-Sinfonico “Gran Galà Omaggio a Enrico Caruso”. Grande Orchestra “Bulgaria Classic”. Direttore – Maestro Leonardo Quadrini

Massa Lubrense: a Sant'Agata la ventesima edizione del premio Salvatore Di Giacomo

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Leave your comment