25

Feb
2019

MASSA LUBRENSE GIORNATA DELLA MEMORIA 2019. diretta Positanonews

Posted By : LS Holiday/ 652 0

dai nostri inviati, foto video e interviste. Massa Lubrense. Giornata della memoria Massa Lubrense. Giornata…

dai nostri inviati, foto video e interviste.

Lunedi 25 febbraio 2018, alle ore 9.30, presso l’Antica Cattedrale di Massa Lubrense, il Comune di Massa Lubrense – Assessorato al Turismo, in collaborazione con la S.C.S. Società dei Concerti di Sorrento, propone il concerto per la Giornata della Memoria del Duo Sepharad, formato da Angela Yael Amato (violino) e Alessandro Parfitt (violoncello).

Direzione artistica: Paolo Scibilia

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Programma

Hatikva: La Speranza

J. S. Bach: Preludio e Sarabande

George Crumb: Cello Solo Sonata

J. Williams: Schindler’s List

Melodie Ebraiche:
Erev Shel Shoshanim
Due Danze Chassidiche
Mazal Tov
Sun Rise Sun Set
Cuando El Rey Nimrod
Hava Naghila

George Perlmann: Hebrew Chant and Dance

Dell’antica musica ebraica non ci sono pervenuti né esempi di melodie notate, né opere di teoria musicale; gli unici reperti sono costituiti da pochi strumenti musicali rinvenuti nel corso di scavi archeologici in Palestina, Mesopotamia (Ur) ed Egitto.
Va osservato che, rispetto a Babilonia ed Egitto, Israele non conobbe musici e danzatori professionisti: la musica suonata, cantata e danzata era patrimonio di tutti.
Conformemente al divieto ebraico di produrre immagini, manca totalmente la documentazione iconografica disponibile, per esempio, attraverso il complesso di pitture vascolari e tombali tipiche di Babilonia e dell’Egitto.
Le testimonianze più importanti, sebbene disorganiche, sono offerte dalla Bibbia, che menziona diverse pratiche di culto connesse alla musica e alla danza e contiene veri e propri canti (Cantici del Mar Rosso, Esodo 15,1 e seguenti; Lamento di Davide, II Samuele 1,19-27; Canto di Debora, Giudici 5 e altri; Salmi).
Con questo excursus di Melodie Tradizionali fino ad Autori appartenenti alla Musica Classica si vuole dare una breve idea di cosa stia a significare il sentimento, la cultura e le tradizioni di questo Popolo e di una Nazione.

Angela Yael Amato
Angela Yael Amato, violinista, si è diplomata con il Massimo dei voti presso il Conservatorio di Salerno.
Si è perfezionata in Svizzera con Tibor Varga, a Londra con Yfrah Neaman ed Emanuel Hurwitz, e si è Laureata presso l’Universita’ di Londra, London Institute of Education.
Vincitrice di Premi Nazionali ed Internazionali, ha intrapreso una intensa attività concertistica in Italia ed all’Estero, oltre a svolgere attività didattica e come primo violino di Orchestre Sinfoniche e da Camera e Gruppi da Camera.
E’ stata assistente della famosa concertista Beatrice Antonioni presso i Corsi Internazionali di Perfezionamento dell’Accademia Jacopo Napoli a Cava de’ Tirreni, e docente dei corsi di Musica da Camera presso la Harrow Public School di Londra.
Attualmente ha tenuto una serie di Conferenze con l’Associazione ESTA Italia sulla didattica violinistica e Concerti in favore della promozione e della divulgazione musicale attraverso il Progetto Sirenide per Musequality.
Vice Presidente della Comunità Ebraica Ner Tamid del Sud e Membro della Comunità Ebraica di Napoli ha partecipato a numerosi Festival di Musica Ebraica in Italia con il Duo Sepharad.

Alessandro Parfitt
Alessandro Parfitt, violoncellista, si diploma presso il Conservatorio di Musica di Salerno con il Massimo dei voti la Lode e la Menzione Speciale.
Ha studiato con Ilie Ionescu e si è perfezionato con Natalia Gutman, in Italia, e con Francois Guye e Susan Rybicki Varga in Svizzera.
Attualmente svolge attivita’ concertistica sia come Solista che come Camerista.
E’ stato primo violoncello dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio Martucci di Salerno ed attualmente collabora con l’Amati Ensemble come Primo violoncello e Solista.
Vincitore di numerosi Premi Nazionali ed Internazionali, si è esibito in Italia, in Spagna, Svizzera e Francia.

Fonte : PositanoNews.it

Scopri di più sulla Costiera Amalfitana e sulla Penisola Sorrentina:

Oppure:

Leave your comment