12

Mag
2020

Misure anti Covid, l’Associazione Pizza Tramonti lancia l’allarme: “80% dei ristoranti a rischio chiusura”

Posted By : / 810 0

Il comparto della ristorazione riunito nel progetto #FareRete alza la voce prendendo nettamente le distanze…

Il comparto della ristorazione riunito nel progetto #FareRete alza la voce prendendo nettamente le distanze dalle notizie che stanno rimbalzando su tutti i media, circa le misure troppo drastiche misure restrittive ipotizzate sui media. “Imporre distanze eccessive tra clienti, così come procedure di sanificazione complesse e l’utilizzo di divisori in plexiglass vuol dire non voler far riaprire i ristoranti”, questo è il messaggio lanciato dalla categoria dei ristoratori, che ritengono ingiusto l’attribuire al titolare del locale della responsabilità diretta in relazione al comportamento individuale di terzi all’interno dell’attività.

“Se le indiscrezioni trapelate sulle linee che il governo intenderebbe assumere risultassero veritiere, il rischio di un lockdown definitivo da parte dell’80% dei ristoratori sarebbe più che mai realistico. Quei pochi che, con immenso sacrificio, riuscissero ad aprire, sarebbero costretti – per mancanza di lavoro – a fare a meno dei dipendenti che, solo fino a pochi mesi fa, li assistevano con la clientela. E’ questa la promessa che il governo si era impegnato a mantenere, che nessun lavoratore sarebbe stato licenziato? Le linee guida sono necessarie, per ripartire in sicurezza ma non possono provocare l’ecatombe di un sistema, che è la spina dorsale dell’economia italiana. Ora basta alla burocrazia, occorre iniettare liquidità alle imprese, l’attività di ristorazione, fiore all’occhiello del Made in Italy, deve ripartire in sicurezza, certo, ma deve poterlo fare!”. A parlare è il Vicesindaco di Tramonti Vincenzo Savino, Presidente dell’Associazione Pizza Tramonti, una delle tante affiliate al progetto #FareRete, il quale ha accolto le paure dei ristoratori della sua cittadina, eccellenza della pizza in tutto il mondo, e si è fatto portavoce dei timori di una realtà che rischia di essere fortemente minata dall’emanando decreto.

“A poche ore dall’emanazione del Decreto Legge ribadiamo anche la necessità che vengano previste misure di finanziamento a fondo perduto, destinate specificamente alla ristorazione e vincolate all’acquisto di prodotti alimentari italiani. Solo in presenza di tali risorse, l’horeca sarà in grado di riappropriarsi del proprio ruolo, quello di leva economica, imprescindibile, per la filiera agroalimentare, necessario per la ripartenza dell’intero Paese” – ribadisce Gianluca De Cristofaro parlando a nome del progetto #FareRete.

Questa è la voce delle 29 realtà associative (più di 100.000 associati) del progetto #FareRete. Un appello sostenuto da Filiera Italia il cui consigliere delegato Luigi Scordamaglia ricorda come “Il perdurare della chiusura del canale della ristorazione stia provocando un effetto domino sull’intera filiera agroalimentare italiana con crolli di produzione fino al 40% del settore del vino, del 45% dei formaggi tipici e del 35% dei salumi di maggiore pregio, mettendo a grave rischio occupazionale parti rilevanti dei 3,6 milioni di lavoratori dell’intera filiera”. Far ripartire subito la ristorazione con regole rigide ma applicabili e non tali da far chiudere comunque l’80% dei ristoranti italiani è l’appello della Fondazione che raccoglie il meglio dell’agroalimentare italiano.

 

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Scopri di più sulla Costiera Amalfitana e sulla Penisola Sorrentina:

Oppure:

Leave your comment