23

Apr
2020

Piano di Sorrento. Il Gran Caffè Marianiello: “Impossibile riaprire in queste condizioni”

Posted By : / 185 0

Piano di Sorrento. Il Gran Caffè Marianiello è tra i Bar più grandi e antichi…

Piano di Sorrento. Il Gran Caffè Marianiello è tra i Bar più grandi e antichi della Penisola sorrentina. Anche i colossi della caffetteria e della ristorazione soffrono un momento di emergenza sanitaria talmente grave. La riapertura di bar e ristoranti avrebbe un effetto valanga sull’agroalimentare nazionale con la ripresa degli acquisti di cibi e bevande che vale almeno 20 miliardi all’anno.

“Non possiamo aprire, in queste condizioni è impossibile. – dicono i proprietari – . Una situazione ingestibile, potremmo ospitare al massimo quattro persone, dovremmo fare sanificazione ogni giorno. Abbiamo anche chiesto più spazio pubblico per consentire lo stesso livello occupazionale, ma ci è stato negato.” Tante le lamentele da parte dei titolari di bar e ristoranti di tutta la Costa di Sorrento che non riapriranno.

Abbiamo intervistato i titolari del bar dopo l’ordinanza n.37 del 22/04/2020 da parte della Regione Campania, con la quale si dispone la riapertura le attività e i servizi di ristorazione – fra cui pub, bar, gastronomie, ristoranti, pizzerie, gelaterie e pasticcerie. L’ordinanza, firmata da De Luca, limita la riapertura solo tramite consegne a domicilio, che sarà consentito “esclusivamente, quanto ai bar e alla pasticcerie, dalle ore 7,00 alle ore 14,00, gli altri esclusivamente dalle ore 16,00 alle ore 22,00”.

Il Gran Caffè Marianiello si posiziona tra i 10 locali più antichi d’Italia. Aperto nel 1848 grazie a un Decreto Regio, era inizialmente autorizzato alla vendita di benzina, sigarette e gioco d’azzardo. Da allora, ha attraversato tre secoli, cambiando ed evolvendosi per essere sempre al passo con i tempi e, soprattutto, per recepire e far proprie le esigenze della clientela.

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Scopri di più sulla Costiera Amalfitana e sulla Penisola Sorrentina:

Oppure:

Leave your comment