17

Mag
2019

Sorrento chiesa di san Felice e Bacolo , concerto a Notre Dame

Posted By : / 379 0

Domenica 19 maggio alle ore 20.00 nella chiesa dei SS: Felice e Bacolo “Concerto a…

Domenica 19 maggio alle ore 20.00 nella chiesa dei SS: Felice e Bacolo “Concerto a Notre Dame – Nel Si’ di Maria et exultavit spiritus meus“con la partecipazione del Soprano Rossella Parisi, all’organo don Francesco Saverio Casa, lettura meditativa di Lucia D’Ancora e Rosario di Nota, coreografia artistica Miriana Esposito e Carlo Santarpia.

concerto a notre dame

I brani : “Cantata Domino (V. Miserachs), Deus Charitas est (J.Botor), Alleluia (G.F. Haendel), Salve Regina (A.Porpora), Io mando voi (M.Frisina) Inno a Cristo Signore (G. Liberto), Regina Coeli (don Francesco Saverio Casa); Vorrei vederti (L.Guida), Jubilate Deo (D. Anselmi), O Sanctissima (L. Guida), Dell’Aurora (L.Guida), Te Deum (G. Liberto).

Miriana Esposito danzatrice d’eccellenza si è formata attraverso percorso di grossa valenza professionale che l’hanno vista presente, tra l’altro, in una compagnia al Tanzolymp di Berlino e al teatro Politeama Greco di Lecce. Laureatosi con il massimo dei voti in coreografia presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma e, dopo l’incontro con la coreografa Adriana Borriello, si avvicina “alla ricerca, all’esperienza pratica ed alla conoscenza del corpo che suona” Dal 2017 fa parte della compagnia abruzzese Gruppo e Motion di Francesca La Cava per la quale danza in “Cenerentola?” a Cagliari, Roma, Teramo Pescara e l’Aquila si avvicina “alla ricerca, all’esperienza pratica ed alla conoscenza del corpo che suona”.

Carlo Santarpia studia presso la scuola di Tony Martin a Castellamma re di Stabia e successivamente si perfeziona presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma. Vince varie borse di studio in prestigiose scuole come Hamlyn di Firenze e Gabriella Stazio di Napolied è assitente alla coreografia presso il comunale di Almaty in Kazakhstan con la produzione del Pulcinellla di Stravjnsky.

Rosario Di Nota, cantore e compositore del bello, delle nostre radici e tradizioni religiose e culturali in lingua napoletana, rappresenta oggi ‘ l’”anima” di una Sorrento di una volta, dando voce, riproponendoli poeticamente, a racconti e preghiere spesso dimenticati, delle nostre genti.

Durante il concerto Rosario Di Nota declamerà alcune poesie (due sono a piè di pagina) del poeta napoletano Nazario Napoli Bruno, traduttore, tra l’altro, di molti canti della Divina Commedia in lingua napoletana ed ideatore di un corso pratico di napoletano, ispirato e dedicato al grande linguista e filologo Carlo Iandolo, coadiuvato in questa iniziativa da Liliana Palermo. Il ricavato delle offerte verrà interamente devoluto alla Fondazione “Smile Italia Onlus” impegnata con i suoi oltre 120 medici, infermieri e operatori sanitari volontari nelle missioni mediche e nei progetti di cura nazionale ed internazionali.

’O mese ’e maggio

’O mese ’e maggio è ’o mese d’ ’a Madonna
e ffanno festa ’e rrose ’int’ô ciardino …
dint’a ’stu core, sempe ’o stesso suonno:
ca nun muresse cchiù Ggiesù Bammino!

Murette ggià na vota, ncopp’â Croce,
ma chillu strazio, a nniente c’ è sservuto
si ’o Munno nun ’a sente cchiù ’sta Voce,
si ’o Munno cchiù nun cerca chist’aiuto.

Si nuje, ca simmo figlie de ll’Ammore,
ll’ammore nuosto nun sapimmo da’,
facenno differenze pe cculore,
pe rreliggione, nazzionalità!

Si, doppo vinte secule, c’ è ggente
ca nziem’a ll’ate nun ce sape sta’,
mentre, pe ccampà fraternamente,
abbastarrìa ’a bbona vuluntà!

E abbastarrìa na bbriciola ’e pietà
pe nun fa’ cchiù, ’e n’ommo, n’assassino,
e, ddint’a ll’uocchie, ’o frato sujo guardà,
pe ffermà ’a mano a cchi se fa Caino …

’O mese ’e maggio è ’o mese d’ ’a Madonna
e ffanno festa ’e rrose ’int’ô ciardino …
dint’a ’stu core, sempe ’o stesso suonno:
ca nun muresse cchiù Ggiesù Bammino!
Chiesiella abbandunata

Arapo ’a porta … ’int’a n’addore ’e cera
se cunzuma lentamente ’o juorno.
’A Cchiesia è vvuota … senza na preghiera
sultanto ’e Sante, mo, me stanno attuorno

’A luce d’ ’e ccannele, tremmuliànno,
allumm’ ’a faccia a qquaccheduno ’e lloro,
e ppare quase ca mme sta guardanno
chist’angiulillo cu ’e capille d’oro.

Na pace silenziosa e pprufummata
m’allenta, doce, ’e parpete d’ ’o core
ca, dint’a ’sta Cchiesiella abbandunata,
d’ ’o munno nun se sente cchiù ’o rummore.

Me guardo, comm’a ddint’a nu scenario,
’e quatre, nfaccia ê mure sgarrupate,
’e statue, ll’angiulille cu ’o Rusario
e ’sti ffïùre mmiezo scancellate …

E, guardanno guardanno, m’avvicino
a na statua cchiù bbella ’e tutte quante:
è na Madonna cu Ggiesù Bbammino,
abbracciato ’a chelli mmane sante.

Téne ll’uocchie azzurre comm’ô cielo
e, ddint’ô sguardo, tanta tennerezza.
Ncopp’ê capille scenne, blu, nu velo;
cu na manella, ’o Figlio ll’accarezza …

… ’A guardo meglio … e rresto scuncertato:
chill’uocchie bbelle so’ cchin’ ’e paura!
E ’o Bbammeniello ca téne abbracciato,
s’ ’o guarda … e ttremma … povera criatura!

Forze ggià sente, dint’ô core ’e Mamma,
ca chillu Figlio, no, nun ll’apparténe;
ca è vvenuto a ccunzumà nu dramma
pe lluvà ’o munno ’a dint’a ttutt’ ’e ppene.

E fforze, annant’a ll’uocchie scunzulàte,
ggià vede ’o Figlio ca se porta ’a Croce
e lle pare ’e sentì tutt’ ’e ffrustate
ca lle darranno chill’uommene feroce!

Madonna bbella, Madonna Addulurata,
’sti dduje core farranno ’a stessa via;
e ddint’a cchesta faccia Toja, pruvata,
me pare ’e vedé ll’uocchie ’e mamma mia…

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Scopri di più sulla Costiera Amalfitana e sulla Penisola Sorrentina:

Oppure:

Leave your comment