21

Feb
2022

Tempo di Carnevale, la nostalgia del sanguinaccio nel racconto del giornalista di Amalfi Sigismondo Nastri

Posted By : / 70 0

Si avvicina il Carnevale ed il giornalista di Amalfi Sigismondo Nastri ricorda un piatto tipico…

Si avvicina il Carnevale ed il giornalista di Amalfi Sigismondo Nastri ricorda un piatto tipico di questo periodo, ovvero il sanguinaccio: «Quanta nostalgia per il sanguinaccio, che era il dolce tipico del Carnevale. Dopo il divieto di adoperare il sangue del maiale, introdotto nel 1992, “ne parlammo pe’ ne parlà”. Quello che vendono oggi le pasticcerie è fatto col solo cioccolato.
Dolce antico, il sanguinaccio, che nel Seicento veniva preparato in periodo natalizio, quando si ammazzavano i maiali, ed era considerato “boccone reale”, soprattutto se ricevuto in regalo, come solitamente avveniva.
Nel Settecento lo si faceva in questo modo: “Si mescoli il sangue di porco sciolto con panna di latte, grasso e cervella di porco trite, cedro ed arance candite trite, cioccolata grattugiata, spezie e poco zucchero. Mescolato tutto, se ne empiono le budella del porco in maniera che non crepino, nel cuocerle, e si mettono in una marmitta con acqua fredda a cuocere, condendola di foglie d’alloro, sale, e cannella in stecchi. Cotto si faranno in essa raffreddare, e quando si hanno da servire si faranno riscaldare sopra una graticola con carta sotto unta di butirro”.
Ai primi dell’Ottocento, Ippolito Cavalcanti, duca di Buonvicino, ne descriveva così il procedimento: “Piglia no rotolo de sango de puorco (con reverenza parlando) e de chillo tanno scannato, e pecché chesto subitamente se quaglia, l’aje da manià co le mmane per nne levà la spogna; po nge miette na libbra de ceccolata cotta a decotto denzo, miezo ruotolo de zuccaro fino buono macenato, doje grana de cannella fina, no grano de garofano fino, meza libbra de cetronata, e n’auta meza de cocozzata ntretata, meza libbra de mostacciuolo pestato, miette ogne cosa dint’a na cazzarola, e co na cocchiara vôta sempe, comm’avisse da fa la crema; quanno s’è astregnuto, lo miette a capo comm’a na sopressata, t’arraccomanno de no lle ffa tanto chiena, ca pecché se schiattano nsarvamiento de chi nge sente, l’attacca nfaccia a na mazzarella, e chesta appesa dinto a na caudara d’acqua vollente, e farai côcere no poco pecché s’hanno da cocere lle stentine; po’ li lieve, e lli mmiette dinto a no ruoto co no poco de nzogna, pe farle ngroscà, e accoss’ se magne lo sanguinaccio”.
La ricetta che propongo (ma solo per la memoria storica: mi fu data tanti anni fa dal mio indimenticabile amico Gabriele Pansa, della Pasticceria Pansa di Amalfi) ed è quella di un dolce squisitissimo, da leccarsi i baffi.
Ingredienti: 1 litro di sangue di maiale liquido, defibrinato, passato per lo staccio in modo da eliminare qualche grumo residuo; 1 litro di latte fresco intero; 1 kg. di zucchero; 600 gr. di cioccolato fondente tagliato pezzetti; 50 gr. di cacao amaro; 150 gr. di farina; 150 gr. di cedro; 150 gr. di uvetta; 100 gr. di pinoli; 1 bustina di vainiglia; 100 gr. di liquore Grand Marnier o Strega.
Si mescola zucchero, farina e cacao aggiungendo poco alla volta il latte fino a formare un composto cremoso. Si completa l’impasto aggiungendo il resto del latte e il sangue di maiale, mescolando continuamente. Si mette a cuocere a fuoco moderato e, appena caldo, si aggiunge il cioccolato. Togliere dal fuoco appena raggiunta l’ebollizione.
Dopo che il sanguinaccio così preparato si è ben raffreddato, vi si aggiungono i pinoli, il cedro tagliato a dadini, l’uvetta. Vi si versa il liquore (ovviamente la quantità indicata in 100 grammi può variare, a seconda della densità che si desidera ottenere) e la vaniglia, mescolando energicamente.
La preparazione del sanguinaccio a questo punto si può dire completata. Lo si deve solo predisporre in vassoietti, guarnendo con pinoli e pezzetti di pan di Spagna.
Ma, come ho detto prima, ormai s’è levato ‘a miezo st’uso e, quindi, ne parlo “pe’ ne parlà”. Consoliamoci con chiacchiere, sospiri e delizie al limone.
Buon Carnevale a tutti».

Fonte : PositanoNews.it

Read More

Leave your comment